Domenica, 9 Maggio 2021

Il grafico che azzera le polemiche sui morti "per" o "con" coronavirus

Roberto Burioni: "Surreale discutere se chi è deceduto è morto 'con il coronavirus' o 'per il coronavirus'. Basta guardare questo grafico, da poco uscito su una prestigiosa rivista"

Che il virus non si sia indebolito è un dato di fatto. "Il virus è pronto a ripartire come ha fatto in Spagna". Lo scrive Roberto Burioni su Medical Facts, dove commenta uno studio pubblicato su Jama Internal Medicine sui decessi in Italia e l'impatto del Covid sulla mortalità generale. "Numeri su cui riflettere di fronte alle incognite che ancora permangono", evidenzia Burioni in un articolo dal titolo molto emblematico, "Non si scherza con i numeri". "In questi giorni si ascoltano molte sterili e inutili discussioni. Alcune sono quelle che tentano di predire un futuro estremamente incerto; altre sono quelle che continuano a dibattere se chi è deceduto è morto 'con il coronavirus' o 'per il coronavirus'".

"Questa seconda discussione -dice Burioni- è surreale, in quanto basta guardare questo grafico, da poco uscito su una prestigiosa rivista, che mostra quante persone sono morte in ben 1.689 comuni italiani (più del 20% del totale) nei primi mesi degli anni dal 2015 fino al 2020".

decessi-italia-3

Fonte grafico: Jama / Medical Facts

"Come potete vedere - continua - fino alla settimana del 23 febbraio 2020 le persone morivano esattamente nella stessa misura degli anni precedenti. Da quel momento il numero dei morti si è impennato. Negli anni precedenti morivano mediamente 4-5000 persone a settimana; dal 15 al 28 marzo abbiamo superato i diecimila decessi a settimana. Il fatto che questi morti in eccesso siano stati per lo più uomini e siano stati concentrati in Lombardia suggerisce fortemente che questo eccesso di morti sia legato al coronavirus".

Il celebre virologo invita quindi la popolazione a "non abbassare la guardia". "Grazie a sforzi sovrumani gli italiani stanno riuscendo a uscire da questo incubo di morte. Ma il virus -avverte- circola ancora ed è pronto a ripartire, come peraltro ha fatto in Spagna, dove il clima e lo stile di vita non sono certo troppo diversi dal nostro. Insomma, dobbiamo ricominciare a vivere la nostra vita, a lavorare, a vederci e a divertirci. Ma non possiamo permetterci di ignorare alcune semplici e basilari norme di protezione reciproca. Uno di questi è il portare sempre la mascherina negli ambienti affollati".

Zangrillo rilancia: "L'emergenza coronavirus è finita da due mesi"

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il grafico che azzera le polemiche sui morti "per" o "con" coronavirus

Today è in caricamento