Mercoledì, 24 Febbraio 2021
Un rilevamento davvero inaspettato

Il coronavirus circolava in Italia già dall'estate 2019

Uno studio italiano potrebbe rimodellare la storia della pandemia di Sars-Cov-2

 Il virus SarsCov2 circolava in Italia già a settembre 2019, dunque ben prima di quanto si pensato finora. La conferma arriva da uno studio dell'Istituto dei tumori di Milano e dell'università di Siena, che ha come primo firmatario il direttore scientifico Giovanni Apolone, pubblicato sulla rivista tumori Journal.

Come si legge nell'abstract dello studio i ricercatori hanno studiato la presenza di anticorpi specifici da SARS-CoV-2 in campioni di sangue di 959 di individui asintomatici arruolati in uno studio prospettico di screening del cancro del polmone tra settembre 2019 e marzo 2020. E la scoperta davvero inaspettata è una alta percentuale di "anticorpi specifici per SARS-CoV-2 RBD" in 111 individui su 959 (11,6%), a partire da settembre 2019 (14%, con una più ampia prevalenza di casi positivi (> 30%) nella seconda settimana di febbraio 2020 e in Lombardia (53,2%) .

In sintesi lo studio mostra un'inaspettata circolazione molto precoce di SARS-CoV-2 tra individui asintomatici in Italia diversi mesi prima dell'identificazione del primo paziente a febbraio a Codogno e potrebbe rimodellare la storia della pandemia. 

Il coronavirus in Italia già dall'estate 2019

Secondo le analisi il virus SarsCov2 si sarebbe già diffuso in Italia dall'estate 2019 e su buona parte del territorio nazionale: a settembre era presente nei campioni di pazienti residenti in 5 regioni.

I primi campioni positivi registrati a settembre appartengono a persone che vivevano in Veneto (3), Emilia Romagna (1), Liguria (1), Lombardia (2) e Lazio (1). Dalla fine di settembre il 56,5% dei campioni di sangue risultati positivi sono di Lombardia (13), seguita da Veneto (3), Piemonte (2), e 1 ciascuno in Emilia Romagna, Liguria, Lazio, Campania e Friuli Venezia Giulia.

Due i picchi di positività emersi per gli anticorpi, sottolinea lo studio: il primo tra la fine di settembre e la seconda-terza settimana di ottobre, il secondo nella seconda settimana di febbraio.

Tracce di Covid a Milano già a dicembre

Non è il primo studio che sposta indietro il calendario dell'epidemia: uno studio dell'Istituto superiore di sanità risalente a giugno, su prelievi nel sistema fognario effettuati a Milano da ottobre 2019 a febbraio 2020, aveva già evidenziato la presenza di Rna virale di Sars-CoV2 nei campioni prelevati a Milano il 18 dicembre 2019 e in quelli successivi, mentre i campioni prelevati a ottobre e novembre erano stati negativi.

I ricercatori - pur con cautela - esprimevano fiducia nel fatto che il controllo costante delle acque reflue avrebbe potuto costituire un ottimo strumento per monitorare la diffusione del virus e sorvegliarla, in modo da prevenire nuove epidemie. Come quella che, purtroppo, stiamo rivivendo con la seconda ondata di contagi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il coronavirus circolava in Italia già dall'estate 2019

Today è in caricamento