Lunedì, 25 Ottobre 2021
Attualità

Lezioni di chitarra online, note e spartiti in videochiamata

E' l'iniziativa di un insegnante di musica, che continua a seguire 30 allievi su Whatsapp

Il coronavirus non ferma la musica. Lo stiamo vedendo sui social, che pullulano di dirette e mini live dei cantanti, sui balconi di tutta Italia, dove ogni giorno alle 18 ci si dà appuntamento per cantare insieme, ma nemmeno gli insegnanti si danno per vinti e qualcuno invita gli allievi a delle vere e proprie lezioni in streaming. Insomma, in piena emergenza sanitaria, costretti a stare in casa, ci si organizza grazie alla tecnologia. 

Lezioni di chitarra online: è l'iniziativa di Francesco Guarino - maestro di musica e cantautore - che contiuna a seguire i suoi 38 allievi, tra la scuola di musica e l'Istituto comprensivo 6 di Bologna. Appuntamento su Whatsapp, uno alla volta, come racconta ad Antonella Scarcella di Bologna Today: "Ho escluso momentaneamente i piccolissimi delle scuole elementari, dove lavoro tramite l'associazione Musicapaper, quelli che hanno sei o sette anni. Quindi in totale diciamo che ne seguo una trentina; cerco di spalmare le lezioni su tutta la settimana mantenendo gli stessi orari, senza modifiche al calendario".

"Lo faccio da due settimane - spiega il 32enne emiliano - ma questa è la più intensa. Si può avere qualche difficoltà a volte, soprattutto se ci sono problemi di connessione internet, ma per il resto la lezione è più o meno uguale. Anzi, ho notato che sono più concentrati sullo schermo perché non hanno distrazioni intorno, probabilmente anche perché sono abituati a guardare videotutorial online. Inoltre in video si riescono ad ingrandire meglio i dettagli e le posizioni delle dita per gli accordi si vedono bene". 

Lezioni di chitarra-2

Sopra un momento delle lezioni online

Come leggono la musica? Guarino è stato previdente: "Gli avevo già dato diversi spartiti e quindi i ragazzi hanno una copia cartacea, io li metto in condivisione in pdf e li leggiamo insieme. Rispetto a prima, la differenza è che non posso scrivere la diteggiatura, i suggerimenti sullo spartito, e così devono pensarci loro; sono obbligati a farlo ma è positivo perché li rende più autonomi. Certo, manca la cosa fondamentale: suonare insieme. In videochiamata è molto difficile farlo perché basta un minimo ritardo della connessione per far saltare tutto, però ho trovato una soluzione: invio delle registrazioni audio, alcune basi su cui suonare. Se poi qualcosa è veramente difficile, mando piccoli video degli accordi". 

La risposta da parte dei ragazzi è ottima, fa sapere: "Li vedo contentissimi: i ragazzi di nove e dieci anni ne sanno più di me. Riescono anche ad aprire tre finestre contemporaneamente, mandano file, video, foto: non so come fanno! In fondo sono abituati ad avere tra le mani tablet e computer. Inoltre hanno più tempo per studiare quindi sto vedendo anche miglioramenti". La musica li aiuta ad affrontare questo periodo complicato, ma aiuta anche lui: "Suono, compongo. Tutti i concerti sono bloccati ma ora ne faremo alcuni in streaming, proprio ieri ne ho sentito uno di un amico. È stato bellissimo, emozionante. Questa situazione ci costringe a riflettere e a dare più valore a tutto quello che di solito abbiamo. Quando torneremo alla normalità, almeno all'inizio, credo sarà tutto piacevole, come la prima stretta di mano. Poi piano piano ci riabitueremo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lezioni di chitarra online, note e spartiti in videochiamata

Today è in caricamento