Lunedì, 17 Maggio 2021

Coronavirus e vita quotidiana: quali sono oggi i posti più a rischio contagio

Remuzzi, direttore dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri: i posti a rischio ''sono i macelli, le aziende di trasporti, le feste con tante persone, le discoteche, che è giusto restino chiuse. Ma bisogna riconoscere che l'ambiente dove più ci si contagia è la famiglia"

Foto archivio Ansa

Coronavirus, molti dei nuovi casi in Italia provengono dall'estero. ''Stiamo attenti a non importare il Covid. Molti tra i focolai che si sono sviluppati recentemente in Italia arrivano da fuori. Qui il razzismo non c'entra, evitiamo di ripetere gli errori dello scorso febbraio. Adesso che l'Italia è più avanti degli altri nel contenimento dell'epidemia, cerchiamo di non buttare via il lavoro fatto. Non rimescoliamo le carte, prima di riaprire a ingressi senza le precauzioni del caso dobbiamo accertarci che gli altri Paesi siano arrivati dove siamo noi adesso''. Lo dice Giuseppe Remuzzi, direttore dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri a Libero.

I numeri sono importanti, certo, ma è anche importante saperli analizzare. ''Non facciamoci trarre in inganno dal numero dei contagiati, che poi vuol dire persone con tampone positivo. Se salgono, è anche perché ora li sappiamo trovare, e questa è una buona notizia. Forse gli altri Paesi li cercano ancora meglio di noi''.  I posti più pericolosi, dice, ''sono i macelli, le aziende di trasporti, le feste con tante persone, le discoteche, che è giusto restino chiuse. Anche se poi bisogna riconoscere che l'ambiente dove più ci si contagia è la famiglia, dove ci si passa il virus l'uno con l'altro, un po' come succede sulle navi dove i profughi sono in quarantena. Un discorso a parte meritano residenze per anziani e ospedali, ma qui adesso c'è grande attenzione''.

Secondo Remuzzi ''la situazione in Italia è sotto controllo. Qui a Bergamo non arrivano più malati da maggio e anche nel resto del Paese le terapie intensive non hanno quasi più pazienti di Covid-19. L'aumento dei contagi riflette il numero dei positivi al tampone, dovuto in parte al fatto che ne facciamo di più, visto che adesso chiunque si ricovera in ospedale, per qualsiasi ragione, viene sottoposto al test. Il dato importante però è che i positivi che scopriamo hanno una carica virale bassa, almeno in Lombardia, e sono per lo più asintomatici. Finché non aumentano i ricoveri per Covid in pneumologia e in terapia intensiva possiamo stare abbastanza tranquilli, perché il contagio non si traduce in malattia'' E sulla zona rossa a Nembro e Alzano Lombardo dice che ''probabilmente andava fatta, ma la verità è che l'Italia non era assolutamente preparata a quello che stava per succedere. Abbiamo perso almeno quattro settimane''.

Coronavirus, Speranza: "Con il lockdown abbiamo salvato migliaia di vite, la gente ha capito"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e vita quotidiana: quali sono oggi i posti più a rischio contagio

Today è in caricamento