Sabato, 23 Ottobre 2021
Attualità

Coronavirus, perché questa potrebbe essere la settimana cruciale

Secondo Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, i prossimi giorni saranno fondamentali per capire l'evolversi dell'emergenza: ''Le misure stanno funzionando, ma non va allentata la presa''

Sabato quasi 800 morti, domenica 651 e un minor numero anche di contagi. Un lieve, anzi lievissimo miglioramento che non può certo lasciare spazio a facili entusiasmi, ma che va preso con le dovute “pinze”, come confermato da Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità ai microfoni della trasmissione radiofonica 'Circo Massimo' su Radio Capital: "Ieri c'è stato un segnale che va colto anche per avere evidenza che le nostre misure stanno funzionando, ma non va allentata la presa".

L'allerta per l'emergenza coronavirus rimane altissima, è la settimana appena iniziata potrebbe essere molto importante per capire l'evolvere della situazione e vedere i primi effetti delle misure restrittive imposte dal Governo. ''Questa sarà la settimana cruciale'', ha sottolineato Locatelli, che ha  poi parlato anche della questione tamponi: "L'Italia ha seguito le indicazioni dell'Oms. Possiamo fare qualche rifinitura, soprattutto per chi lavora a contatto con i malati di Covid 19".

"La capacità di gestire i tamponi da parte dei laboratori non ha un potenziale immenso – ha aggiunto In un giorno si riescono ad analizzare 10-20mila tamponi".

Infine, il presidente del Consiglio superiore di sanità, ha ribadito il parere dell'Aifa sulla presunta efficacia contro il coronavirus del farmaco antinfluenzale sviluppato in Giappone e usato in Cina: "Tutti noi siamo attenti a segnali relativi a farmaci che possono essere efficaci, ma non vi è nessun dato che dimostri inconfutabilmente l'efficacia dell'Avigan".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, perché questa potrebbe essere la settimana cruciale

Today è in caricamento