Giovedì, 21 Ottobre 2021
Attualità

Bufera su Sgarbi dopo il video choc sul coronavirus. Lanzi (M5s): "Va perseguito"

Per il critico d'arte il Covid-19 è "un virus del cazzo" e "non c'è nessun tipo di pericolo". Per fortuna non gli credono neanche i suoi follower

"Ma che cazzo di virus è? Ma perché dobbiamo convincere gli italiani che la loro vita è cambiata?". In un video pubblicato ieri su facebook, e finito immediatamente al centro delle polemiche, Vittorio Sgarbi dice di non credere alla pericolosità del coronavirus e contesta duramente i provvedimenti adottati dal governo per contenere l'epidemia. Il "problema vero" a detta di Sgarbi sono le "troppe influenze che devono essere curate andando in terapia intensiva", ma "con questo devo cambiare completamente la vita perché devo vedere se ho tremila letti di più per mettere uno a cui è venuto il raffreddore?".

"Questa è la sostanza", spiega Sgarbi. "Non c'è un cazzo, non c'è un cazzo. Ribellatevi. Mandateli a fare in culo". Nel video (che riportiamo per dovere di cronaca, ma dal cui contenuto ci dissociamo totalmente) Sgarbi dispensa insulti a Burioni ("un santone, un guru. Non un medico, ma uno stregone") e se la prende col sistema mediatico. A suo dire sarebbe in atto "una tempesta televisiva" che vuole "a tutti i costi convincere gli italiani che c'è una tragedia in atto", tutto "sulla base di un unico dato vero, che è il numero limitato dei posti negli ospedali per la terapia intensiva. "Tolto questo punto" osserva, "io non riesco a capire come si vogliano convincere gli italiani che esiste qualcosa che non c'è".

"E' tutta la vita che ci ammaliamo di raffreddore, influenza, talvolta perfino polmonite. Non è che è morto qualcuno improvvisamente perché è diventato nero con dei bubboni o gli è venuta la peste. No, qualcuno è morto perché aveva un'età piuttosto avanzata, gli è arrivato un coccolone di polmonite ed è morto. Come è sempre stato. Non riesco a immaginare come tutto questo possa cambiare completamente la nostra vita". 

"Tutti voi sapete, anche quelli che stanno a Codogno, che non c'è nessun pericolo di nessun tipo che debba cambiare la nostra vita perché andando in giro non ti capita un cazzo", dice ancora il critico e parlamentare. Che insiste: "Chi di voi sta male veramente? Sui milioni che siamo in Italia, quei poveretti che prendono la polmonite sarebbero stati male lo stesso anche senza coronavirus del cazzo, il quale attende solo un po' di caldo per morire". 

Le critiche al video su facebook

Insomma, nel video Vittorio Sgarbi minimizza colpevolmente un gravissimo problema di salute pubblica. 

In uno scenario già abbastanza dramatico e in cui è più che mai urgente prendere tutte le precauzioni possibili per fermare il contagio da Covid-19, l'uscita del critco d'arte non risulta per nulla divertente. E potrebbe tranquillamente essere ignorata come qualsiasi altro contenuto analogamente privo di spessore e interesse, se non si trattasse di un personaggio pubblico. La buona notizia è che anche i suoi follower non sembrano credere alle sue parole. "Se non ci sono posti in terapia intensiva sei costretto a far morire la gente" si legge tra i tanti commenti in calce al post. E ancora: "Forse è meglio che lei continui a fare il suo lavoro, il critico d'arte".  "Lei non si rende assolutamente conto di ciò che dice e del suo ruolo come personaggio pubblico. Parla da irresponsabile e in questo caso da ignorante con presunzione su temi che dimostra di non conoscere nei termini di base".

Lanzi (M5s): "Ora deve essere perseguito"

Contro Sgarbi si è scagliato anche il senatore M5s Gabriele Lanzi. "Da critico d'arte a medico o ancor di più specialista in virologia per Vittorio Sgarbi il passo è brevissimo", spiega in una nota l'esponente M5s. "Il suo delirio di onnipotenza comunicativa è arrivato ad un punto limite che non è più sopportabile e deve essere perseguito. Istigare a commettere un reato, come quello di non rispettare il divieto agli spostamenti, va perseguito secondo l'Art. 414 del Cod. Penale. Oltre questo ha pensato bene di dispensare insulti a specialisti ed esperti come Burioni e Pregliasco e parole di presa in giro anche verso il capo dello Stato. Ne abbiamo abbastanza di questo personaggio. Che paghi per le sue parole". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bufera su Sgarbi dopo il video choc sul coronavirus. Lanzi (M5s): "Va perseguito"

Today è in caricamento