Coronavirus, l'Italia pensa a test rapidi per chi rientra dai paesi a rischio

Preoccupa l’aumento di casi importati da chi rientra dalle vacanze in paesi come Grecia, Spagna, Croazia e Malta e il timore è che questa situazione possa compromettere la ripresa a settembre. Si pensa a test rapidi, ancora in corso di validazione, che se approvati potranno finire in un provvedimento per ampliare le verifiche

Gli esperti sono preoccupati dall’aumento dei nuovi contagi tra coloro che stanno tornando da Paesi come Spagna, Grecia, Malta e Crozia, mentre molti giovani di rientro dalle vacanze all’estero stanno risultando positivi al coronavirus e si è abbassata l’età media di chi si ammala (ormai scesa al di sotto dei 40 anni). Da tutta Italia negli ultimi giorni si sono susseguite segnalazioni di ragazzi positivi di ritorno da viaggi all’estero e il ministero della Salute sta pensando quindi a una stretta sui controlli a chi rientra, per scongiurare il rischio di un’impennata dei contagi. 

Si pensa a test rapidi, che sono ancora in corso di validazione e, se supereranno le verifiche del Comitato Tecnico Scientifico, potranno finire in un provvedimento per ampliare le verifiche. Le Regioni intanto potrebbero decidere ordinanze più restrittive.

L'allerta durante la riunione del Cts

Secondo quanto riporta Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera, l’allerta è scattata ieri durante la riunione del Cts e sul tavolo ci sono tre opzioni: quarantena (come avviene già per chi torna dagli Stati Uniti), tamponi o test rapidi. “Dobbiamo analizzare ogni giorno la curva epidemiologica, se sale bisogna rendere provvedimenti”, spiegano gli scienziati. Il ministro Speranza ha già preso l’impegno di discutere ogni mossa con i partner europei. La linea che passa è quella di accelerare sui test. Anche perché il tampone non ha risultato immediato, va ripetuto dopo qualche giorno e dunque non garantirebbe comunque la verifica immediata su chi potrebbe essersi contagiato all’estero, ricorda il Corriere

L’Italia, come del resto sta facendo anche già la Germania per chi proviene da zone ad alto rischio come Bulgaria e Romania, pensa quindi a test rapidi per coloro che rientrano da Grecia e Spagna, e forse anche Malta e Croazia. Chi scende dal volo fermarsi negli scali per effettuare il test e attendere il risultato, così come chi arriva da navi e traghetti. 

Questa settimana di ferragosto è particolarmente importante per gli esperti per la diffusione del Covid-19 perché le conseguenze più gravi potrebbero manifestarsi nelle prossime settimane, ossia a ridosso dalla riapertura delle scuole. “Ecco perché non è escluso che - se i numeri saliranno ancora - possano scattare misure più restrittive”, spiega il Corriere.

Le Regioni chiedono più controlli

Il Piemonte ha emesso un’ordinanza per comprendere nella lista di chi deve fare la quarantena se rientra da Stato ad alto rischio anche il personale sanitario e i militari, esclusi invece dai decreti nazionali. Sempre in Piemonte, il presidente della Commissione Sanità Alessandro Stecco chiede che vengano fatti “pagare i danni a chi favorisce il contagio” e chiede più controlli alle frontiere “perché non si può lasciare alla buona o alla cattiva volontà del singolo evitare o meno comportamenti a rischio”. 

In Campania il governatore Vincenzo De Luca sottolinea l’importanza di controlli più incisivi sui viaggiatori dai paesi a rischio, “altrimenti diventerà inevitabile la chiusura delle frontiere”, ricordando come l’80% dei casi di contagi in Campania derivi da “contatti proveniente o rientranti dall’estero”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel Lazio la Regione sta predisponendo la possibilità di sottoporre a test (negli aeroporti ma anche nelle stazioni dell’alta velocità) chi rientra dalle vacanze in aree ad alta incidenza di contagi per coronavirus in attesa che il provvedimento sia esteso a tutta Italia, come auspicato dal presidente delle Regione e segretario del Pd Nicola Zingaretti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La prima giornata di Garko 'libero' è con Eva Grimaldi e Imma Battaglia (VIDEO)

  • Gabriel Garko rompe il silenzio dopo il coming out: "Camminerò con le mie gambe, ma non sui tacchi"

  • Francesco Testi rompe il silenzio: "Ecco perché a Garko ha fatto comodo fingersi etero"

  • Gabriele Rossi scrive a Garko dopo il coming out. L'applauso dei vip, da Grimaldi a Monte

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 26 settembre 2020

  • Gabriel Garko finalmente libero ma non da certe montature

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento