Venerdì, 26 Febbraio 2021
Regno Unito

Cos'è questa storia del tracciamento di massa

L'esperimento partito oggi a Liverpool: l'obiettivo è tracciare mezzo milione di persone. Ma per avere successo non basterà individuare gli infetti

Il tracciamento di massa a Liverpool (FOTO ANSA)

L'esercito in strada, le postazioni per le analisi e i cittadini in coda con la mascherina: il tracciamento di massa. Da alcuni invocato per 'coprire' la popolazione e individuare la maggior parte dei positivi al coronavirus, il tracciamento di massa non era ancora stato messo in pratica, almeno fino ad oggi. Liverpool è infatti la prima città del Regno Unito a tentare un esperimento di tracciamento di massa per le infezioni da Covid-19: l'obiettivo è testare circa mezzo milione di persone. Si tratta del primo tentativo del governo britannico di tracciare gli abitanti di una città; un esperimento che, se dovesse portare buoni risultati, potrebbe anche venire riproposto altrove.

Coronavirus, il tracciamento di massa a Liverpool

Nell’ambito del programma di test di massa di Liverpool, che inizia oggi e coprirà tutti coloro che vivono e lavorano in città, una varietà di tipi di test e l’aiuto logistico dell’esercito saranno schierati in un esperimento pilota per vedere se lo screening della popolazione di massa sia fattibile in altri regioni dell’Inghilterra, come proposto nell’operazione Moonshot.

tracciamento-coronavirus-ansa-2

Per avere successo, non sarà necessario solo trovare coloro che sono infetti indipendentemente dai sintomi, ma convincerli ad autoisolarsi. Si stima che solo dal 20% al 25% delle persone si metta in quarantena completamente quando gli viene chiesto di farlo.Il governo sta anche portando avanti i piani per ridurre il periodo di autoisolamento. L’ipotesi sarebbe quella di dimezzare il periodo attuale di 14 giorni di quarantena.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cos'è questa storia del tracciamento di massa

Today è in caricamento