"Vedo mia madre solo grazie al tablet": il dramma dei familiari chiusi nelle Rsa da 4 mesi

La normalità è ancora lontana per gli ospiti delle Rsa ed i loro parenti: in alcune strutture le visite sono bloccate per l'emergenza coronavirus da 4 mesi. Una lettrice ha scritto un'accorata lettera per denunciare la situazione: "Non auguro questa situazione a nessuno"

Bar pieni, spiagge affollate ma per gli ospiti delle Rsa ed i loro familiari la normalità sembra essere ancora irraggiungibile. La figlia di un'ospite di una casa di riposo di Trento ha scritto una lettera alla nostra redazione locale per raccontare come vive la situazione chi non vede la propria madre praticamente dalle festività natalizie.

Nonostante la possibilità di riaprire ai parenti, con tutte le norme di sicurezza del caso inclusi pannelli di plexiglass e divieto di contatto fisico, alcune strutture per tutelarsi tengono ancora le porte chiuse. Nella struttura in questione sembra si sia verificato un nuovo caso asintomatico tra gli ospiti, e le visite sono state bloccate. 

Ecco la lettera della nostra lettrice

Gentile Direttore
dopo 4 mesi di separazione ci dicono che dobbiamo aspettare ancora. E anche oggi, ancora una volta solo un piccolo schermo ci ha permesso di salutare la mamma di 88 anni: non vi auguro di trovarvi di fronte a vostra madre che cerca di accarezzarvi toccando il tablet che ha di fronte.

Ci dicono che presto si potrà tornare a vedersi di persona… ma solo a debita distanza, alzando la voce perché l’udito è quello che è, arrivando a mani vuote e soprattutto senza toccarci. Ma qualcuno si rende conto che così non si può andare avanti? Mia madre è viva, non se n’è andata per il Covid, si trova solo a pochi chilometri di distanza e lei lo sa: vorremmo tornare ad accarezzarla, a mostrarle qualche bella foto delle persone che conosce (anche perché non riesce ad usare il cellulare), a mangiare un dolcetto, a raccontarle quello che facciamo là fuori, a commentare le nuvole nel cielo o il tg, a farle sentire l’affetto dei suoi figli, forse l’unico che le interessa a questo punto… E tutto questo senza essere costretti a interpretare i silenzi da lontano, o a cambiare discorso con leggerezza davanti ad un’operatrice che si trova ad entrare, senza volerlo, nelle pieghe della nostra famiglia.

Ci attenderanno turni pazzeschi: ogni familiare potrà prenotare una visita ogni 10 giorni e, dunque, se siamo più di uno, serviranno settimane... Ancora attendere. Non so se lei potrà farlo. E soprattutto se riuscirà a perdonarci. Eppure questo deserto per qualcuno è cosa da poco. Mentre sono diritti negati. Ancora e sempre per questione di soldi? Soldi che devono promuovere ogni obiettivo, tranne che il benessere degli anziani? Mi chiedo se non basterebbe una spesa limitata per attrezzarci con le tute e il disinfettante, per pagare qualche ora di lavoro in più ad alcuni operatori esperti, per liberare qualche percorso sicuro, per offrire più tecnologia… E perché non coinvolgere e responsabilizzare di più proprio i parenti? E’ ancora così povera di democrazia autentica la nostra città?

Se chi governa, se i nostri amministratori locali non si renderanno conto presto di questo drammatico impoverimento dei legami sociali e delle ripercussioni che tutto questo avrà sulla vita delle nostre famiglie e sul tessuto delle nostre città, se non facciamo di tutto per dimostrare coi fatti che chi invecchia resta al centro della società, tra qualche anno ci ritroveremo a vivere in un lager… Anche in questo Trentino ben pasciuto, dove c’è chi continua a chiudere gli occhi perché pensa che il problema non lo tocchi. E non si rende conto che gli piomberà addosso molto presto. Ma noi trentini stiamo alle regole e, dal momento che ci hanno detto di pazientare, abbiamo inghiottito e pazientiamo. Chi, intanto, muore di solitudine non siamo noi, sono i nostri genitori che se ne andranno, dopo aver evitato il peggio. Ma che società vogliamo? Gli anziani, i bambini, le donne, gli stranieri, i disabili… sono sempre in fondo alle scelte pubbliche quando il sistema si sgretola, i primi ad uscire e gli ultimi a rientrare. Questa è una società malata.

Per questo non ci siamo accampati davanti al cancello della RSA con i cartelli e i megafoni, perché i nostri antagonisti non sono lì. Chi vorremmo scuotere non sono solo i nostri rappresentanti politici (che sanno che tanti dei nostri anziani non votano più!), ma anche quei dirigenti e funzionari della pubblica amministrazione che hanno perso il senso della prossimità e della cura sociale. Possibile che non si riescano a progettare e articolare risposte più coraggiose? Le relazioni sono la rete che regge e dà qualità al nostro welfare: in questi mesi la pandemia ce lo ha ricordato con violenza. Ci deve pur essere il modo per restituire concretezza a queste relazioni, è questa la vera battaglia che dobbiamo fare, è questa la prima opera pubblica di una politica sana. Ma abbiamo poco tempo: nessuno lo vede?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Silvia Ropelato

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La prima giornata di Garko 'libero' è con Eva Grimaldi e Imma Battaglia (VIDEO)

  • Francesco Testi rompe il silenzio: "Ecco perché a Garko ha fatto comodo fingersi etero"

  • Gabriel Garko rompe il silenzio dopo il coming out: "Camminerò con le mie gambe, ma non sui tacchi"

  • Gabriele Rossi scrive a Garko dopo il coming out. L'applauso dei vip, da Grimaldi a Monte

  • Gabriel Garko finalmente libero ma non da certe montature

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 26 settembre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento