rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Il rischio

"Rischio 100mila casi al giorno in Italia"

"Il picco non è ancora stato raggiunto" ha spiegato Walter Ricciardi, presidente della Federazione mondiale di Sanità Pubblica

"In Italia rischiamo purtroppo di superare i 100mila contagi al giorno da coronavirus come in Gran Bretagna". Lo ha detto Walter Ricciardi, presidente della Federazione mondiale di Sanità Pubblica. Dunque bisogna prepararsi perché, forse non sarà più gravosa della Delta, ma l’aumento repentino dei casi si spiega con l’altissima contagiosità della nuova variante Omicron. In pratica, a parità di situazione, la omicron è capace di infettare un numero maggiore di persone che si trovano di fronte ad una persona positiva.

La soluzione, al netto dei vaccini, è tornare ad alzare il livello di barriera con le precauzioni più classiche che si conoscono. Cioè igiene, distanziamento sociale, ma soprattutto le mascherine. Infatti adesso, per la prima volta, il Governo ha anche imposto un determinato di tipo di mascherina in specifiche circostanze.

"L'uso delle mascherine FFP2 è legato al fatto che la variante omicron è molto più contagiosa. - ha spiegato sempre Ricciardi - Prima di essere bloccata da vaccini, mascherine e comportamenti salirà a dei numeri che anche per noi saranno similari a quelli degli altri Paesi. Il picco non lo abbiamo assolutamente raggiunto ed è ancora lontano. Avremo ancora una crescita implementare nel mese di dicembre, come altri Paesi corriamo il rischio di andare a molti casi a gennaio. Dobbiamo ancora resistere e tutte le misure sono finalizzate a far sì che il picco arrivi quanto prima possibile e non sia altissimo".

Tuttavia non si deve rinunciare per forza alla vita sociale e questo potrà essere un Natale sereno, ma, sempre per Ricciardi, solo se rispettiamo le cautele. "Non facciamo grandi assembramenti, cenoni con 30 o 40 persone, ma con un numero limitato di persone, di cui conosciamo lo status anche attraverso un tampone. Teniamo un comportamento sano, che ci impedisce purtroppo di abbracciarci e baciarci, soprattutto nel caso delle persone più vulnerabili da parte dei bambini, dei più piccoli, che in questo momento sono purtroppo il vettore d`infezione, perché in quella fascia la vaccinazione è minoritaria". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rischio 100mila casi al giorno in Italia"

Today è in caricamento