rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Incubo pandemia

È iniziata una nuova ondata di Covid (anche in Italia)

Il monitoraggio della fondazione Gimbe mette nero su bianco la situazione. La curva dei contagi punta verso l'alto facendo registrare un +36% di casi in 7 giorni. Pesante stop delle vaccinazioni

L'incubo Covid non è finito. Tutt'altro. La curva dei contagi punta verso l'alto facendo registrare un +36% di casi in 7 giorni, e frena la discesa dei ricoveri in area medica (-3,5%) mentre rimane stabile quella di terapie intensive (-16,4%) e decessi (-18,7%). I numeri sono contenuti nel monitoraggio settimanale (9-15 marzo ndr) della Fondazione Gimbe. Guardando ai singoli territori, sono 17 le province con un'incidenza pari a oltre 1.000 casi per 100.000 abitanti. Gimbe registra dunque un incremento dei nuovi casi (+379.792) a fronte di un lieve aumento dei tamponi (+8,4%). Salgono a 66 le province con incidenza superiore a 500 casi per 100.000 abitanti.

È iniziata una nuova ondata di Covid (anche in Italia)

E anche sul fronte vaccini nessuna buona notizie. Secondo Gimbe nella settimana 9-15 marzo la campagna vaccinale si è fermata  "nonostante ci siano quasi 4,6 milioni di italiani vaccinabili con prima dose e 2,9 con booster". E' ancora in calo nell'ultima settimana il numero di somministrazioni (441.837), con una media mobile a 7 giorni di 63.120 somministrazioni al giorno: si riducono del 6,6% le terze dosi (n. 320.925) e del 22,3% i nuovi vaccinati (23.783).

Non crescono dunque, afferma Gimbe, le percentuali di popolazione vaccinata con almeno una dose (85,6%) e con ciclo completo (83,8%). Il tasso di copertura delle terze dosi è invece all'83,5%, con nette differenze regionali, mentre sono 35.390 le quarte dosi somministrate agli immunocompromessi. Al 16 marzo sono ancora 6,98 milioni le persone che non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino, di cui 2,39 milioni temporaneamente protette in quanto guarite da Covid da meno di 180 giorni.

Per quanto riguarda i bambini, nella fascia 5-11 anni al 16 marzo sono state somministrate 2.400.975 dosi: 1.366.957 hanno ricevuto almeno 1 dose di vaccino (di cui 1.211.712 hanno completato il ciclo vaccinale), con un tasso di copertura nazionale che si attesta al 37,2% con nette differenze regionali (dal 20,2% della Provincia Autonoma di Bolzano al 53,6% della Puglia).

Quanto pesano questi dati?

I dati di Gimbe arrivano in un momento cruciale. Il 31 marzo scade lo stato di emergenza e nelle prossime ore il Consiglio dei ministri definirà il cronoprogramma di riaperture per accompagnare l'Italia verso la nuova normalità. La strada sembra essere quella dell'abbandono progressivo del green pass. Bisogna adesso vedere se e quanto i nuovi dati che arrivano dalle Regioni peseranno sulle scelte del Governo che potrebbe optare per una linea più prudente di quanto ipotizzato finora.

Proprio oggi, 17 marzo, dalle colonne de La RepubblicWalter Ricciardi, consulente del ministero alla Salute, metteva in guardia da un eccesso di ottimismo: "Se si allentasse tutto contemporaneamente, in un momento come questo in cui la curva dà segnali di ripartenza, sarebbe un errore gravissimo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È iniziata una nuova ondata di Covid (anche in Italia)

Today è in caricamento