rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
Pandemia

Covid, c'è un problema con i voli indiretti dalla Cina

L'allarme lanciato dal ministro della Salute Schillaci: "È necessario un raccordo in sede Ue per prendere una decisione comune che possa servire a limitare l'afflusso di persone positive dal Paese asiatico"

La nuova ondata di contagi Covid che sta travolgendo la Cina ha messo in allarme il governo italiano (e non solo) che ha deciso di introdurre i test obbligatori per i passeggeri provenienti dal Paese asiatico, con l'obiettivo di evitare che un gran numero di positivi entri sul territorio italiano. Una strategia che potrebbe funzionare per i voli diretti, ma c'è un problema: tutte quelle persone che arrivano dalla Cina con voli non diretti, e che di conseguenza arrivano in Italia dopo essere passati da Paesi in cui non vengono effettuati controlli. Una problematica da non sottovalutare, come sottolineato dal ministro della Salute, Orazio Schillaci, nell'informativa al Senato sui provvedimenti di controllo sanitario negli aeroporti per i passeggeri provenienti dalla Cina: "Per quanto riguarda i passeggeri provenienti dalla Cina attraverso voli indiretti che hanno fatto scalo in Paesi dell'area Schengen, è necessario un raccordo in sede Ue per prendere una decisione comune che possa servire a limitare l'afflusso di persone positive dal Paese asiatico".

"A questo proposito - ha sottolineato - fin dalla mattinata del 27 dicembre ho mantenuto continui contatti con le principali Istituzioni europee, tra le quali la Commissione e lo European Center for Disease Prevention and Control (Ecdc, Centro europeo di controllo delle malattie). Tali contatti vengono tenuti per un continuo scambio di informazioni di natura epidemiologica e microbiologica, anche al fine di assumere provvedimenti in tempi rapidi. Inoltre il ministero partecipa alla rete Early Warning Response System (Ewrs) ai fini dell’identificazione di allerte precoci".

"Ovviamente - ha rimarcato il ministro - l'attività di sorveglianza attraverso l'effettuazione di tamponi molecolari all'arrivo dei voli diretti provenienti dalla Cina non arresterebbe del tutto l'ingresso sul territorio nazionale a causa dell'arrivo in Italia di passeggeri anche attraverso voli indiretti - il cui tracciamento è pressoché impossibile (a meno che non si reintroducano misure maggiormente restrittive, quali il 'Passenger locator form digitale') - e del periodo finestra (intervallo che intercorre fra esposizione al virus e comparsa della positività) che potrebbe far sfuggire il rilevamento molecolare del virus all'arrivo".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, c'è un problema con i voli indiretti dalla Cina

Today è in caricamento