Venerdì, 16 Aprile 2021

I dubbi sul nuovo decreto: dalla spesa fuori dal proprio Comune alle passeggiate

Cosa si potrà fare (e cosa no) dal 4 maggio in poi. In attesa che Palazzo Chigi chiarisca, azzardiamo qualche interpretazione

Foto di repertorio ANSA

Dopo il discorso del premier sono più i dubbi che le certezze. Cosa si potrà fare dal 4 maggio? E cosa, invece, resterà vietato? Né le parole di Conte né il testo del dcpm aiutano ad uscire dall’impasse. Come comportarsi allora? In attesa che le Faq (Frequently asked questions, ovvero le risposte alle domande ricorrenti) pubblicate sul sito del governo chiariscano meglio le nuove regole, proviamo ad azzardare qualche interpretazione.

4 maggio, cosa si potrà fare e cosa sarà vietato: i dubbi

Iniziando da un quesito che ci è stato rivolto da più di un lettore. Che è il seguente: dopo il 4 maggio sarà possibile uscire dal proprio Comune per fare la spesa? Sul tema il nuovo dcpm non si pronuncia affatto, bisogna allora dedurne che restano in vigore le norme introdotte con il precedente decreto. Stando alle Faq rese pubbliche dall’esecutivo, il dpcm del 10 aprile permette ai cittadini di fare la spesa in un altro Comune solo nei casi in cui "il proprio Comune non disponga di punti vendita, o sia necessario acquistare con urgenza generi di prima necessità non reperibili nel Comune di residenza o domicilio". 

Il Ministero dell’Interno ha inoltre chiarito che "si può considerare giustificato lo spostamento dal Comune di residenza nel caso in cui il punto vendita per l’approvvigionamento di generi alimentari più vicino o più accessibile rispetto alla propria abitazione si trovi nel territorio di un Comune confinante". In tutti gli altri casi non ci si può spostare dal proprio Comune di residenza. E  salvo sorprese dovrebbe essere così anche dopo il 4 maggio.

Le passeggiate all'aperto saranno consentite?

Altro dubbio: sarà possibile passeggiare all’aperto? In questo caso, rispetto all’ultimo dpcm, le cose cambiano. Il decreto che entrerà in vigore dal 4 maggio consente di svolgere individualmente (cioè da soli) attività sportiva o motoria all’aperto "purché comunque nel rispetto della distanza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività".

Con l’ultimo dpcm viene a cadere il limite dei 200 metri da casa. In sostanza, salvo diverse interpretazioni della norma, dal 4 maggio sarà consentito svolgere attività motoria anche lontano da casa, purché da soli. Non sarà invece permesso "svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto". Si potrà dunque uscire dal proprio domicilio, ma solo per svolgere "attività motoria" e comunque mantenendosi a due metri di distanza dagli altri passanti. Gli spostamenti al di fuori della propria abitazione restano inoltre consentiti se "motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità" e "motivi di salute".

passeggiate-2 

I congiunti e le seconde case

Nel nuovo dpcm viene altresì specificato che si potrà uscire di casa e dal proprio Comune, pur rimanendo all’interno della propria regione, anche "per incontrare i congiunti". Che cosa si intende però per congiunti? Secondo l’articolo 307 del codice penale nella definizione andrebbero intesi "ascendenti, discendenti, coniuge, la parte di un’unione civile tra persone dello stesso sesso, fratelli, sorelle, gli affini nello stesso grado, gli zii e i nipoti". Fonti di Palazzo Chigi hanno però fatto sapere che per congiunti possono essere intesi anche fidanzati, conviventi o affetti stabili. Anche su questo tema bisognerà aspettare un chiarimento ufficiale dell’esecutivo.

Infine l’ultimo dubbio. Le seconde case. Dal nuovo decreto sparisce anche il divieto di spostamento "in abitazioni diverse da quella principale comprese le seconde case utilizzate per vacanze" a patto di non uscire dalla regione nella quale ci si trova. In serata è arrivata però la precisazione del ministro dei Trasporti, Paola De Micheli: "Non si possono raggiungere le seconde case. Mi sembra che ci sia qualche presidente di Regione che lo sta ipotizzando, ma nell'ambito di questo Dpcm non è possibile".

Il DPCM del 26 aprile: scarica il testo in Pdf

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I dubbi sul nuovo decreto: dalla spesa fuori dal proprio Comune alle passeggiate

Today è in caricamento