Lunedì, 12 Aprile 2021

Disarmo, la società civile si muove: "Spostare la spesa pubblica verso scuola e sanità"

Rete Italiana per il Disarmo, Sbilanciamoci! e Rete della Pace chiedono di iniziare un "vero processo di spostamento di risorse dalle spese militari a settori più utili per la società" e anche "una moratoria di un anno per il 2021 su tutti gli acquisti di natura militare per nuovi sistemi d’arma". In Italia la spesa militare prevista per il 2020 è di circa 26 miliardi

Una manifestazione per il disarmo davanti al parlamento. Foto: Ansa (archivio)

Il disarmo è un tema che riguarda tutti, perché mai come in questi mesi di emergenza globale per il coronavirus non sono le armi a garantire davvero la nostra sicurezza, ma le iniziative che salvaguardano prima di tutto la salute, e poi anche il lavoro e l’ambiente. Negli scorsi giorni ci sono state tante iniziative in tutto il mondo (Seoul, Sydney, Berlino, Roma, Barcellona, Washington, Buenos Aires, Rosario, Montevideo) per le “Giornate Globali di azione sulle spese militari” coordinate dalla Global Campaign on Military Spending (GCOMS). Una Campagna promossa dall'International Peace Bureau (IPB) e rilanciata nel nostro Paese da Rete Italiana per il Disarmo con Rete della Pace e Sbilanciamoci. L'obiettivo? Ribadire, ancora una volta, quanto sia urgente spostare i fondi dai bilanci militari verso altri obiettivi, quali la lotta contro il Covid-19 e il rimedio ad altre crisi sociali e ambientali. "Le armi e gli eserciti non ci garantiranno maggiore sicurezza - si legge in una nota di Rete Disarmo -  Anzi, renderanno sempre più catastrofiche le conseguenze dei conflitti attualmente in corso e quelli futuri. Dobbiamo invece dedicare le nostre energie a costruire dialogo, iniziative di diplomazia, politiche di sicurezza comune. E ciò è particolarmente evidente nella lotta contro il Covid-19, una minaccia non militare che potrà essere risolta solo con la cooperazione globale".

“Nel 2019 gli investimenti per armi ed eserciti sono cresciuti ancora a livello globale. IPB insieme ai propri partner nella GCOMS rilancia l’appello a ridurre queste spese almeno del 10% annuale - dice Lisa Clark, co-presidente internazionale di IPB e vicepresidente di Beati i Costruttori di Pace - I fondi così risparmiati devono essere spostati verso la realizzazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile Agenda 2030 delle Nazioni Unite. E’ una esigenza ormai imprescindibile”. 

unnamed (2)-2-6

In questi drammatici tempi di pandemia, con il Covid-19 che rischia di travolgere i sistemi sanitari di tutto il mondo, l’Istituto Internazionale di Ricerca per la Pace di Stoccolma SIPRI ha reso pubblici i dati aggiornati sulle spese militari riferiti al 2019. Sono numeri impressionanti, si registra un aumento del 3,6% rispetto al 2018 con una cifra record di 1.917 miliardi di dollari, e cioè 259 dollari per ogni abitante del pianeta. Questo aumento mostra che la corsa agli armamenti non si ferma, non si è mai fermata. E’ indice inoltre del potere indiscusso delle industrie del settore difesa, in particolare in Europa, in America del nord, in Asia e Oceania. Il solo bilancio militare della NATO arriva a 1.035 miliardi di dollari, cioè il 54% della spesa militare globale. Nel Medio Oriente, l’unica regione in cui le spese militari siano diminuite, le conseguenze tragiche dei conflitti militarizzati sono evidentissime.

“Tutto questo avviene mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità, con tutti i suoi limiti l’unico tentativo globale e concertato di rispondere alle crisi di natura medico-sanitaria, ha un bilancio biennale di circa 4,5 miliardi di dollari per la maggior parte contributi volontari di Stati e privati”, commenta Giulio Marcon, portavoce di Sbilanciamoci. “Stiamo parlando di una cifra che annualmente è solo lo 0,11% di quanto i Governi spendono globalmente per il settore militare”. “Un altro paragone possibile è con l'investimento nell'Aiuto Pubblico allo Sviluppo (APS) dei Paesi industrializzati che è pari a 152,8 miliardi di dollari, equivalenti allo 0,30% del loro PIL e meno dell’8% della spesa militare - aggiunge Sergio Bassoli della segreteria di Rete della Pace - Un dato significativo che denuncia dove stia il vero interesse ed investimento da parte dei Governi (nell’industria militare e nelle guerre) in totale contraddizione con gli impegni sottoscritti per l'Agenda 2030”.  

La situazione è del tutto simile anche in Italia, con una stima (elaborata dall’Osservatorio Mil€x) complessiva di spesa militare prevista per il 2020 in circa 26,3 miliardi di euro con crescita di oltre il 6% (quasi un miliardo e mezzo in più) rispetto al comparabile bilancio preventivo 2019. “E questi sono solo i numeri delle previsioni di partenza - sottolinea Francesco Vignarca coordinatore di Rete Disarmo - perché nei bilanci consuntivi si verifica una spesa effettiva decisamente superiore. Va sottolineato poi che nella previsione per il 2020 quasi 5,9 miliardi di euro sono destinati all’acquisto di nuovi sistemi d’arma”.  Tutti questi dati e considerazioni spingono Rete Italiana per il Disarmo, Sbilanciamoci! e Rete della Pace ad una presa di posizione congiunta e incisiva, con l’obiettivo di recuperare fondi utili per la fase di uscita dalla crisi provocata dalla pandemia di Covid-19 e per iniziare un vero processo di spostamento di risorse dalle spese militari a settori più utili per la società. 

unnamed (2)-2-6

"La proposta che intendiamo avanzare al Governo e al Parlamento è chiara e netta - dicono da Rete Disarmo - una moratoria di un anno per il 2021 su tutti gli acquisti di natura militare per nuovi sistemi d’arma. Se non è forse ipotizzabile fermare i programmi che sono già stati finanziati e decisi con la Legge di Bilancio votata a fine 2019 è invece sicuramente possibile intervenire sulle prossime decisioni di budget dello Stato. Quello che chiediamo è dunque concretamente realizzabile: azzerare completamente per un anno i fondi per nuove armi allocati sia presso il Ministero della Difesa che presso il Ministero dello Sviluppo economico e non dare avvio alla cosiddetta “Legge Terrestre” richiesta dall’Esercito. Complessivamente si tratterebbe di più di 6 miliardi di euro risparmiati che potrebbero essere immediatamente riconvertiti e investiti per gli interventi di riorganizzazione scolastica post Covid-19 e per acquisto di strumentazione medica al fine di aumentare i posti letto, soprattutto quelli di terapia intensiva. Una scelta semplice e in un certo senso anche naturale, con fondi già previsti e per i quali ci sarebbe solo un cambio di destinazione da investimento negativo e non utile a investimenti fondamentali per il futuro dell’Italia. Chiederemo a tutte le forze politiche, al Governo, al Parlamento - concludono - di avere per una volta il coraggio di mettere le necessità reali dei cittadini italiani davanti agli interessi militari e dell’industria delle armi".

unnamed-13-27

Più salute e meno armi: la riconversione industriale non è una missione impossibile

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disarmo, la società civile si muove: "Spostare la spesa pubblica verso scuola e sanità"

Today è in caricamento