Dpcm in vigore oggi: che cosa cambia e cosa no e cosa fare per stare sicuri

Il testo integrale appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Porta nuove regole Covid e nuovi modelli di comportamento per frenare l'epidemia di coronavirus

Il Dpcm 13 ottobre 2020 appena firmato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal ministro della Salute Roberto Speranza e pubblicato in Gazzetta Ufficiale entra in vigore oggi e porta nuove regole Covid e nuovi modelli di comportamento per frenare l'epidemia di coronavirus. Il testo integrale del provvedimento aiuta a chiarire gli ultimi dubbi su mascherine, smart working, locali pubblici e sport amatoriali mentre la storia delle feste private vietate e del massimo di sei persone non conviventi in casa è stata ridimensionata a raccomandazione dopo gli annunci. 

Dpcm: che cosa cambia e cosa no

Le misure che entrano in vigore da oggi cambiano in qualche modo le nostre abitudini di vita. Le misure più importanti riguardano le mascherine: il testo spiega che ai fini del contenimento della diffusione del virus COVID-19, è fatto obbligo sull'intero territorio nazionale di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, nonché obbligo di indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all'aperto a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi, e comunque con salvezza dei protocolli e delle linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, nonche' delle linee guida per il consumo di cibi e bevande, e con esclusione dei predetti obblighi:

  • a) per i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva;
  • b) per i bambini di età inferiore ai sei anni;
  • c) per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina, nonché per coloro che per interagire con i predetti versino nella stessa incompatibilità.

È fortemente raccomandato l'uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all'interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi, stabilisce il testo. In più, la quarantena resta di 14 giorni per chi entra in Italia da Paesi extra Ue. Il Dpcm stabilisce che l'operatore di sanità pubblica e i servizi di sanità pubblica territorialmente competenti provvedono alla prescrizione della permanenza domiciliare e informano la persona circa la necessità di misurare la temperatura corporea due volte al giorno (la mattina e la sera), nonché di mantenere:

  • 1) lo stato di isolamento per quattordici giorni dall'ultima esposizione;
  • 2) il divieto di contatti sociali;
  • 3) il divieto di spostamenti e viaggi;
  • 4) l'obbligo di rimanere raggiungibile per le attività di sorveglianza".

Il testo integrale del Dpcm 13 ottobre 2020

Dpcm in vigore oggi: che cosa si può fare e cosa no

Una serie di norme riguardano le attività quotidiano: è confermato lo smart woking per i dipendenti della pubblica amministrazione, che viene indicato in “almeno” il 50 % (all’inizio si era ipotizzato il 70%) di coloro che possono svolgere la loro attività a distanza. Tra i divieti da segnalare ci sono:

  • Lo stop alle gite scolastiche
  • Lo stop agli sport amatoriali (ma non ai campionati giovanili)
  • Il divieto di essere accompagnati al pronto soccorso
  • La chiusura anticipata alle 24 per bar e ristoranti

Ci sono poi, segnala oggi Il Messaggero, altre attività che si possono svolgere ma con limitazioni:

  • Allo stadio con grandi limitazioni: «15% rispetto alla capienza totale e non oltre i 1.000 spettatori per manifestazioni all’aperto e di 200 in luoghi chiusi»
  • Cerimonie religiose: per i banchetti di matrimoni e cresime è «fissato il limite di 30 invitati» rispettando il distanziamento
  • Incontri in casa con amici: nel dpcm si «raccomanda di evitare feste nonché di ricevere persone non conviventi di numero superiore a sei»
  • Compleanni, lauree e tutti gli altri festeggiamenti saranno vietati nelle discoteche. Si potrà farlo al ristorante, purché seduti

Come viaggiare e usare i trasporti pubbici in sicurezza

Il quotidiano riporta oggi anche i consigli di Massimo Andreoni, direttore clinica malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali), per evitare la diffusione del contagio: "Dobbiamo cercare di stare all’interno dei mezzi pubblici il più possibile lontano gli uni dagli altri", è la raccomandazione principale. 

Per seguirla basta munirsi di pazienza e uscire di casa un po’ prima del solito. Servirà per poter scegliere l’autobus meno pieno ed evitare le ora di punta, anche se questo comporterà però una durata del tragitto più lunga del solito. Mai, invece, utilizzare i mezzi di trasporto pubblico se si avvertono sintomi di infezioni respiratorie come febbre, tosse e raffreddore.

Nel caso però il mezzo di trasporto si affolli durante il viaggio e non si ha la possibilità di scendere e aspettare un convoglio della metro o un autobus con meno pendolari, basta fare attenzione alle postazioni strategiche. «È bene stare vicino ai punti di maggior aereazione», consiglia Andreoni. Quindi, basta scegliere per esempio il posto vicino ad un finestrino aperto oppure in prossimità dell’uscita del mezzo. Ricordando però sempre di utilizzare correttamente le porte indicate per la salita e la discesa e di seguire la segnaletica e i percorsi indicati nelle stazioni o alle fermate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riguardo i posti in piedi e a sedere, è «meglio stare seduti accanto ad un pendolare che si trova rivolto verso la stessa direzione di marcia, piuttosto che avere una persona che ti sta di fronte. Questo rende meno probabile il trasferimento di droplets da un soggetto all’altro». Resta prioritario comunque l’uso appropriato delle mascherine. «Occorre controllare che sia indossata nel modo corretto e aderisca perfettamente al volto, coprendo sia il naso che la bocca. E poi - ribadisce Andreoni - bisogna stare attenti il più possibile a non tenere il naso o la bocca rivolti nella stessa direzione del viso di un altro passeggero». Va poi ricordato che la mascherina deve essere tenuta sempre, anche se si sta parlando al telefono o si è vicini ad un amico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Verso il coprifuoco alle 22 in tutta Italia

  • Raimondo Todaro: "Con Elisa Isoardi sempre più uniti, ma in ospedale con me c’era la mia ex moglie"

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Fa la spia perché il vicino non rispetta la regola dei 6 in casa e finisce malissimo

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento