Giovedì, 13 Maggio 2021

Coronavirus e farmaco anti artrite, la doccia fredda: "Nessun risultato significativo"

E' stato lo stesso oncologo napoletano Paolo Ascierto, che ne ha sviluppato il protocollo in Italia, a dare notizia dei risultati di CoVacta, lo studio di fase III: "Ma un sottogruppo di pazienti potrebbe comunque beneficiare del trattamento"

Paolo Ascierto, foto Ansa

Nessun risultato statisticamente significativo. Il professor Paolo Ascierto, diventato simbolo della lotta italiana al Covid-19, ha fatto il punto sulla sperimentazione del Tocilizumab dopo i risultati dello studio di fase III sull'efficacia del farmaco, condotto su 330 pazienti. Proprio Ascierto - direttore dell'Unità di oncologia melanoma, immunoterapia oncologica e terapie innovative dell'Istituto tumori Irccs Fondazione Pascale di Napoli - per primo ha utilizzato a Napoli il farmaco anti artrite reumatoide nel trattamento della polmonite interstiziale da Covid-19, intuendo che potesse frenare la 'tempesta citochinica' nei pazienti colpiti dal virus.

"CoVacta, lo studio di fase III, su scala mondiale, che ha valutato l'efficacia dell'utilizzo del tocilizumab confrontato con il placebo non ha dimostrato un vantaggio statisticamente significativo nel ridurre la mortalità a quattro settimane e nel miglioramento clinico nei pazienti con Covid-19", ha detto Ascierto.

"Gli studi di fase III rimangono sempre i più importanti per dimostrare l'efficacia di un farmaco", ha specificato Ascierto, che comunque ha aggiunto: "Tuttavia, lo studio riporta anche che il tempo di dimissione nei pazienti trattati con tocilizumab risulta essere inferiore. Questo dato potrebbe indicarci che esiste un sottogruppo di pazienti che potrebbe comunque beneficiare del trattamento con tocilizumab. La chiave potrebbe essere in alcuni biomarcatori. Purtroppo in questi studi, come il CoVacta, non sono noti i valori di alcuni biomarcatori che possono permetterci di individuare i pazienti che potrebbero trarre beneficio dal farmaco".

A questo punto si attendono i risultati di altri studi di fase III sul farmaco (l'Empacta e il Remdacta), per valutarne l'efficacia in associazione con l'antivirale remdesivir.

Coronavirus, intervista al dottor Ascierto: "Ecco perché usiamo il farmaco anti artrite"


 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e farmaco anti artrite, la doccia fredda: "Nessun risultato significativo"

Today è in caricamento