Venerdì, 23 Luglio 2021
Attualità Lecce

Riapre il lido per disabili voluto da Gaetano Fuso, il poliziotto malato di Sla morto a 44 anni

Il sogno di Gaetano Fuso continua. Nel 2018 era stato nominato Cavaliere al merito della Repubblica dal presidente Mattarella per il suo impegno a favore dell’inclusione

Riparte la terrazza "Tutti al mare", la struttura per disabili ideata da Gaetano Fuso, il poliziotto morto a 44 anni di Sla, che aveva voluto il primo stabilimento per persone con patologie neuromotorie e altri gravi disabilità. Per le sue battaglie a favore dell’inclusione, nel 2018 Fuso era stato nominato Cavaliere al merito della Repubblica dal presidente Sergio Mattarella. Nato nel 1976 a Calimera, malato di Sla dal 2014, Fuso è morto lo scorso novembre. 

Ideata da Fuso e realizzata dall’associazione salentina 2he - Io posso a San Foca di Melendugno (Lecce), la Terrazza "Tutti al mare" offre in completa gratuità postazioni, ausili e personale specializzato per la permanenza in spiaggia e l'ingresso in acqua in sicurezza anche a persone immobilizzate e/o dipendenti da macchinari elettrici. Fuso aveva voluto che nascesse un luogo in cui far ritrovare a chiunque, in acqua, quella leggerezza che malattie come la Sla tolgono inesorabilmente. In sei anni di attività la Terrazza di Io posso ha offerto i propri servizi completamente gratuiti a più di settecento ospiti con gravi disabilità motorie, anche immobilizzati e/o dipendenti da macchinari elettrici, provenienti da tutta Italia e anche Europa, ed è ormai un modello replicato in altre regioni italiane, ricorda una nota. A beneficio degli ospiti saranno presenti due postazioni più ampie con colonnina acqua/elettricità per chi necessita di ventilazione assistita e 7 postazioni per le altre forme di disabilità, tutte idoneamente distanziate l’una dall’altra e provviste di lettini ribassati, sedie da regista e idonea ombreggiatura. La struttura dispone poi 2 ampi bagni completamente attrezzati, anche con doccia calda, due ulteriori docce esterne, un box infermieristico attrezzato, 12 ausili per l’ingresso in acqua, di 5 tipologie differenti, adatti a conformazioni fisiche diverse, personale infermieristico ed assistenziale. Completa la struttura una ampia passerella che consente l’agevole spostamento con la sedia a rotelle.

Gaetano Fuso, campione di solidarietà

"Schietto, coraggioso, intraprendente, anche davanti alla malattia non si è arreso, ma ancora una volta ha tirato fuori la sua forza e la sua generosità nel concepire e realizzare "La Terrazza 'Tutti al mare!' di Io Posso, motivandoci a contribuire, pretendendo che fosse un servizio gratuito e un modello di inclusione": questo era stato il messaggio d’addio comparso sul sito del progetto nazionale Io Posso dopo la morte di Gaetano Fuso. La sua, aveva ricordato la polizia di Stato, era stata "una vita spesa al servizio degli altri e dei più bisognosi". I funerali di Fuso erano stati presieduti da don Luigi Ciotti. 

gaetano fuso-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapre il lido per disabili voluto da Gaetano Fuso, il poliziotto malato di Sla morto a 44 anni

Today è in caricamento