Domenica, 28 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Parigi i Gay Games, tra inclusione e voglia di normalità

Sono in corso a Parigi i Gay Games. La manifestazione arrivata alla decima edizione ha suscitato polemiche perchè alcuni sostengono che porti alla ghettizzazione degli atleti che appartengono alla comunità Lgbt. In realtà la manifestazione è aperta a tutti e punta a dare visibilità agli sportivi provenienti da nazioni in cui l'omosessualità è un reato. In molti paesi infatti chi fa coming out rischia gravi  ripercussioni fino alla pena di morte e così in molti scelgono di non rivelare il proprio orientamento sessuale.

"Per me essere qui è un'esperienza straordinaria che mi fa sentire libera e felice. Non mi sento giudicata e discriminata e posso divertirmi con persone che hanno vissuto drammi come il mio" racconta Jay, una transessuale ugandese che è stata ripudiata dai suoi famigliari e cacciata dall'università.

"Per me è stato molto stressante, vengo da una famiglia molto tradizionalista e in Cina non posso neanche dire che sono gay. Qui mi sento normale e accettato" aggiunge Zhang.

L'organizzazione ha invitato a partecipare chiunque ha voglia mettersi in gioco, a prescindere da orientamento sessuale, età, etnia, religione e perfino preparazione sportiva. Solo per il gusto di stare insieme e cimentarsi in uno sport. Oggettivamente la maggior parte dei concorrenti sono gay, ma loro non si sentono diversi e il divertimento è assicurato.
 

Si parla di

Video popolari

A Parigi i Gay Games, tra inclusione e voglia di normalità

Today è in caricamento