Martedì, 15 Giugno 2021
Nuove indicazioni

Eventi solo con il Green pass: stretta sulle regole per matrimoni, palestre e ristoranti

Il Cts chiede cautela. Gli esperti del Governo dicono ok alle riaperture ma servono regole precise e uno degli argini per evitare che gli eventi possano trasformarsi in focolai è proprio la certificazione verde anti Covid

Riaperture matrimoni - foto Ansa
Riaperture sì, ma andiamoci piano perché se i numeri del contagio e dei ricoverati sono in costante discesa e la campagna vaccinale prosegue a ritmi serrati, il Comitato tecnico scientifico ci va cauto e ha messo mano ai parametri delle Regioni, rivisitando le regole da tenere sempre bene a mente in caso di eventi, a cui si potrà partecipare nei prossimi mesi. Quali sono? Di base la partecipazione sarà legata in maniera indissolubile al Green pass, che si potrà ottenere in caso di vaccino, certificazione di immunizzazione da Covid (se negativizzati) o con un tampone negativo nelle 48 ore precedenti. Le Regioni chiederanno una serie di chiarimenti, anche in virtù delle mutate condizioni epidemiologiche, ma ecco i punti principali rivisti dagli esperti dell'esecutivo, che praticamente in tutti i casi esaminati specificano che va definito il numero massimo di presenze.
  • Matrimonio con Green pass: Sarà consentita la partecipazione solo a coloro che sono in possesso di uno dei requisiti per il “green certificate”. 
  • In palestra e piscina niente doccia: negli spogliatoi di palestre, piscine e centri benessere "deve essere preclusa la fruizione delle docce. Inoltre, negli spogliatoi deve essere vietato il consumo di cibi". Il Cts raccomanda di non utilizzare gli spogliatoi in palestra, ma è possibile farlo in piscina.
  • Seggiovie: la portata massima al 100% della capienza si potrà fare ma solo se tutti avranno la mascherina. La portata è ridotta al 50% se le seggiovie sono all’aperto.
  • Al ristorante con mascherina: al chiuso la mascherina andrà tenuta sempre, anche al tavolo, salvo i momenti in cui si mangia e si beve.
  • Prenotazione obbligatoria. In tutte le attività ricettive, dalla ristorazione agli stabilimenti balneari, dai cinema ai teatri agli altri locali di intrattenimento la prenotazione "sarebbe auspicabile fosse resa obbligatoria o fortemente raccomandata la prenotazione, così come la disponibilità dei requisiti del 'green certificate', soprattutto laddove si punta progressivamente alla saturazione dei posti disponibili".
Inoltre per ogni locale dovrebbe essere stabilito un numero massimo si persone che possano stazionare soprattutto al chiuso, ma anche all’aperto. 
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eventi solo con il Green pass: stretta sulle regole per matrimoni, palestre e ristoranti

Today è in caricamento