Martedì, 19 Ottobre 2021
Attualità

"Harry Potter evoca il maligno", il libro vietato in una scuola

Un istituto cattolico di Nashville, negli Stati Uniti, ha rimosso tutti i libri sul maghetto dalla libreria

Una scuola cattolica privata di Nashville, negli Stati uniti, ha rimosso i libri di Harry Potter dalla sua biblioteca perché, a giudizio degli esorcisti, conterrebbero "maledizioni e incantesimi che, se letti da un umano, rischiano di evocare spiriti maligni". Lo racconta il Guardian. 

Il pastore della scuola cattolica di St. Edward, ha comunicato via email ai genitori dei bambini la decisione, dopo essersi consultato con diversi esorcisti i quali gli hanno raccomandato di rimuovere le opere di JK Rowling dagli scaffali. "Questi libri presentano la magia come buona e cattiva, ma questo non è vero, in realtà è un astuto inganno", ha scritto il reverendo Dan Reehil. "I malefici e gli incantesimi usati nei libri sono reali malefici e incantesimi che, quando letti da un essere umano, rischiano di evocare gli spiriti maligni in presenza della persona che legge il testo". Attenzione quindi, secondo il reverendo, a pronunciare formule magiche come "avada kevadra", "crucio" e "imperio", rispettivamente le parole che consentono di uccidere, torturare e controllare le persone. 

Una decisione accolta con stupore (e qualche critica) da molti genitori e che sta facendo il giro del mondo. La Diocesi di Nashville, per bocca della sua sovrintendente per le scuole, ha chiarito che il parroco agisce in piena indipendenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Harry Potter evoca il maligno", il libro vietato in una scuola

Today è in caricamento