rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Giornalismo

L'Essenziale, il nuovo settimanale di Internazionale per raccontare l'Italia "senza dare nulla per scontato"

In edicola dal 6 novembre, l'edizione digitale in abbonamento. Ne abbiamo parlato con il direttore Giovanni De Mauro

Un nuovo giornale arriva in edicola. Un settimanale "vestito" come un quotidiano, per capire e raccontare l'attualità italiana. È L'Essenziale, il nuovo esperimento della redazione di Internazionale. In un mondo ormai sempre più veloce e digitale, in cui il lettore è immerso in un flusso continuo di notizie sempre più vorticoso e proprio per questo sempre più difficile da decifrare, L'Essenziale vuole offrire un tipo di informazione più lenta, più precisa, più approfondita.

Da sabato 6 novembre i lettori troveranno in edicola questo nuovo settimanale in un formato insolito, quello tipico dei quotidiani (come ad esempio La Repubblica e ll Corriere della Sera). Una scelta che risponde a un'esigenza precisa, come ci spiega il direttore Giovanni De Mauro alla vigilia dell'uscita del giornale. "Volevamo un giornale che fosse complementare e non alternativo a Internazionale e quindi che non somigliasse a un magazine ma più a un quotidiano – dice De Mauro – Questo tra l'altro ci consente di fare un giornale che è aggiornato fino all'ultimo momento, perché possiamo stamparlo come un quotidiano, che ha un processo produttivo più rapido rispetto a quello di una rivista. Mentre parliamo stiamo 'chiudendo', come si dice in gergo, il giornale che uscirà domattina in edicola".

Chi è il lettore tipo de L'Essenziale?

Essenzialmente il lettore e la lettrice tipo di Internazionale. Qualcuno che già conosce e magari apprezza il lavoro che facciamo e che abbiamo fatto in questi 28 anni di storia di Internazionale. È un lettore interessato a capire cosa succede in Italia, con un'informazione chiara e che non dia nulla per scontato.

Cosa troveranno i lettori ne L'Essenziale? Quelli nuovi e quelli che già conoscono Internazionale

Speriamo trovino la stessa cura e attenzione che mettiamo nella costruzione del giornale, nella scelta delle notizie, nella scrittura degli articoli. I nuovi troveranno un giornale che sarà in parte diverso da quelli che già sono in circolazione e che speriamo sia in grado di offrire loro qualcosa di cui hanno bisogno.

Si dice spesso che "il giornalismo è morto". Quotidiani e altri prodotti editoriali cartacei vendono meno di prima e con sempre più difficoltà. Sono cambiati i tempi o sono cambiati i lettori?

Sono cambiati sia i tempi sia i lettori, le due cose vanno di pari passo. Più che "il giornalismo è morto", si dice che "i giornali sono morti". Quotidiani e altri prodotti cartacei vendono meno di prima ma in realtà in circolazione ce ne sono ancora tanti. Come le edicole, che si sono ridotte ma sono ancora tante. Quella dei giornali di carta non è una lenta estinzione, ma una trasformazione del mercato. Ci sono e continueranno ad esserci ancora per molto tempo. E questo grazie al fatto che il giornalismo c'è e continua ad esserci, indipendentemente dal supporto sul quale si manifesta.

L'Essenziale esce il sabato in edicola e sarà possibile abbonarsi all'edizione digitale. Perché questa scelta, visto anche il momento difficile che stanno vivendo le edicole?

Internazionale è un giornale che punta molto sulla carta. Circa l'80-85% dei ricavi dipende direttamente o indirettamente dalle copie in edicola e in abbonamento. Anche per questo nuovo progetto puntiamo molto sulla carta, proprio per il tipo di giornale che abbiamo scelto di fare. Sarà come un quotidiano del weekend, che esce una volta a settimana, e ha bisogno dell'edicola come spazio attraverso cui raggiungere rapidamente i lettori e le lettrici.

Avrà un sito?

Arriverà. Per ora c'è solo una landing page molto scarna, attraverso cui ci si può abbonare al giornale. Arriveremo a un sito vero, ma questo è un giornale che vive soprattutto sulla carta.

State per chiudere il giornale, ancora un po' e arriverà nelle mani dei lettori. Come vi sentite?   

C'è po' di agitazione, un po' ansia ma anche un po' di emozione, perché finalmente dopo tanti mesi che parliamo di questo progetto è arrivato il momento della verità e da domani sarà qualcosa che consegniamo alle lettrici e ai lettori.

Un nuovo giornale è sempre una buona notizia. In bocca al lupo ai professionisti de L'Essenziale per questa nuova avventura editoriale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Essenziale, il nuovo settimanale di Internazionale per raccontare l'Italia "senza dare nulla per scontato"

Today è in caricamento