Liliana Segre cittadina onoraria di Varese: anche la Lega vota sì (dopo i mancati applausi in Senato)

A Varese la senatrice a vita fu arrestata nel 1943, per poi essere deportata ad Auschwitz. Il rinoscimento è stato votato da tutte le forze politiche compreso il Carroccio

La città di Varese ha concesso la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. La mozione presentata dal consigliere Enzo Rosario Laforgia è stata votata in maniera unanime da tutte le forze politiche. Un riconoscimento dal forte valore simbolico, poiché proprio a Varese Liliana Segre fu arrestata e rinchiusa in carcere nel dicembre 1943 mentre cercava di scappare in Svizzera insieme alla sua famiglia per sfuggire alla deportazione.

"La cittadinanza onoraria di Varese mi fa piacere perché è il primo carcere in cui sono entrata. La mia vita è cambiata tante volte: così come un tempo ero stata espulsa da scuola e sono entrata in Senato, così a Varese ero entrata in carcere e ora la stessa Varese mi dà la cittadinanza", è stato il commento della senatrice a vita all'Ansa. Dopo il periodo di detenzione nel carcere di Varese, Segre fu poi trasferita in quello di San Vittore e poi da lì deportata al campo di sterminio di Auschwitz.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche la Lega ha votato per la cittadinanza onoraria di Varese a Liliana Segre

A favore della mozione ha votato anche la Lega. Appena pochi giorni fa, in Senato, i rappresentanti del Carroccio insieme ad altri esponenti del Centrodestra erano rimasti seduti senza applaudire durante il lungo applauso tributato dall'emiciclo a Liliana Segre dopo il voto favorevole alla mozione di maggioranza che l'ha vista prima firmataria per l'istituzione di una commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza e razzismo. Roberto Maroni, presente in Consiglio, ha commentato al Fatto Quotidiano: "Il giusto riconoscimento per una persona che ha sofferto, una forma piccola ma simbolica di risarcimento. Il mancato applauso in Senato? Parlo di quello che succede a Varese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Coronavirus, a Rimini guarisce anziano di 101 anni: è nato durante l'epidemia di spagnola

  • Fabio Cannavaro dalla Cina: "Oggi è finita la quarantena, ecco la mia testimonianza"

  • Giuliana De Sio dopo il coronavirus: “Uno straccio di donna che però sta guarendo”

Torna su
Today è in caricamento