Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

Le dieci regioni a rischio lockdown

Il Report del monitoraggio settimanale di Iss e ministero della Salute indica un'alta probabilità di rapida progressione dei contagi in mezza Italia. Vediamo quali sono i territori più sensibili

Ci sono dieci regioni a rischio lockdown territoriali mentre da Nord a Sud cominciano ad arrivare le ordinanze degli enti locali che proibiscono di tutto e scoppiano anche le prime ribellioni, come quella di Arzano. Come spiega oggi La Stampa, il Report del monitoraggio settimanale di Iss e ministero della Salute indica che ben 10 regioni sono a un livello di rischio moderato, ma ad alta probabilità di progressione rapida. Ovvero stanno scivolando velocemente verso quell’area rossa del rischio «alto», che fa poi scattare lockdown locali e chiusure progressive delle attività produttive.

Le dieci regioni a rischio lockdown

Le regioni a rischio lockdown in questo momento sono Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Liguria, Lombardia, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria e Valle d’Aosta, quest’ultima con l’Rt più alto ( 1,53), seguita dal Piemonte con un Rt a 1,39. Come scritto nel Report, oramai "si evidenzia una nuova fase epidemiologica con un sovraccarico dei servizi territoriali, che potrebbe riflettersi in breve tempo in un sovraccarico dei servizi assistenziali". 

E mentre il governo tiene il punto sul lockdown nazionale, chiedendo alle Regioni di prendersi la responsabilità di assumere decisioni drastiche, la Lombardia accarezza l'ipotesi di chiudere le scuole superiori e oggi attende un'ordinanza del presidente Attilio Fontana che porterà con sé ulteriori restrizioni. È arrivata ieri invece l’ordinanza firmata dal governatore campano De Luca "per il livello di contagio altissimo registrato anche nelle famiglie e derivato da contatti nel mondo scolastico", è scritto a premessa del provvedimento. Vietate feste e cerimonie, i cibi da asporto dopo le 21, chiusi i circoli ricreativi. E, appunto, didattica in presenza sospesa fino al 30 ottobre.

Una decisione che ha fatto arrabbiare la ministra della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina: "Quella di De Luca è una decisione gravissima, profondamente sbagliata e inopportuna", ha tuonato. Per poi proporre in alternativa di spingere di più sullo smart working, "perché la mattina non sono mica solo i ragazzi a salire sui mezzi". 

La mappa delle zone rosse

Intanto si moltiplicano le zone rosse in tutta Italia. Lo sono per 14 giorni Sesto Pusteria e Monguelfo in Alto Adige, Saint-Denis, Chambave e Verrayes in Valle d'Aosta, Galati Mamertino in provincia di Messina e Arzano e Lauro in Campania. La Toscana e la Lombardia vietano le visite nelle Rsa, le residenze per anziani, tornate un fronte delicatissimo. A Piacenza la Ausl chiude agli ospiti tutti gli ospedali per i troppi nuovi casi registrati.

Si valuta la zona rossa anche in provincia di Latina così come a Viterbo. In Liguria nel centro storico di Genova e nei quartieri di Sampierdarena, Cornigliano, Certosa e Rivarolo è mini-lockdown, con divieto di assembramento in strada, chiusura di circoli, sale giochi e distributori automatici di cibo dopo le 21. Orario oltre il quale non si potranno più somministrare alcolici.

Quelli che dicono no al lockdown

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le dieci regioni a rischio lockdown

Today è in caricamento