Mercoledì, 12 Maggio 2021
L'annuncio / Lecce

Dottoressa si vaccina contro Covid-19, la figlia nasce con gli anticorpi: "Un messaggio di speranza per il futuro"

Elena Colizzi, 35enne medico del ‘Vito Fazzi’ di Lecce, si è vaccinata durante il terzo trimestre di gravidanza e il tasso anticorporale nella piccola, prelevato dal sangue cordonale, è risultato alto come quello materno e dunque, si spera, ugualmente protettivo

La mamma medico si è vaccinata al terzo trimestre di gravidanza e la sua bambina è venuta alla luce con già gli anticorpi contro il Coronavirus. "È stata la speranza di proteggere me e mia figlia dal Covid a darmi la lucida razionalità di analizzare i benefici cui saremmo andare incontro sia io che la mia bambina grazie alla vaccinazione in gravidanza, in confronto ai possibili rischi", ha raccontato la neomamma, Elena Colizzi, medico di 35 anni che dallo scorso maggio lavora all’ospedale 'Vito Fazzi' di Lecce, dove è arrivata dopo aver combattuto in prima linea contro la pandemia in Emilia-Romagna.

La dottoressa Colizzi è stata vaccinata con il vaccino Pfizer-BioNTech, ricevendo la prima e la seconda dose rispettivamente alla 33esima e alla 36esima settimana di gravidanza. La vaccinazione è stata effettuata senza effetti collaterali nel distretto socio-sanitario di Maglie. La sua bambina è nata tre settimane fa e il tasso anticorporale riscontrato nella piccola, prelevato dal sangue cordonale, è risultato alto come quello materno e dunque, si spera, ugualmente protettivo.

"La dottoressa Colizzi è emblema di una giovane generazione di operatori sanitari che hanno scelto di tornare nella terra d'origine per mettere a disposizione delle nostre strutture competenze ed esperienze", ha dichiarato Rodolfo Rollo, direttore generale dell’ospedale leccese. "L'amore per la vita è il filo rosso di questa storia, in cui una giovane professionista ha scelto di prendersi cura degli altri in un momento drammatico quale quello della pandemia decidendo al tempo stesso di generare nuova vita - ha aggiunto Rollo - Il risultato del test del dosaggio anticorpale della bambina è una bellissima notizia e un messaggio di speranza per il futuro". 

Valentina e Anna, le due bimbe nate con gli anticorpi da mamme vaccinate a Padova

Un mese fa, a Padova, due neonate, le cui madri erano state sottoposte durante la gravidanza a un ciclo completo di vaccino antiCovid, erano venute al mondo con gli anticorpi contro il coronavirus. "Le due bambine sono le prime in Italia nelle quali sono stati isolati gli anticorpi su sangue neonata alla nascita. Infatti gli studi internazionali, ad oggi, si sono basati solamente sugli anticorpi del cordone ombelicale", aveva spiegato Gianfranco Juric Jorizzo, responsabile dell’équipe del servizio di Medicina Prenatale dell’Ulss 6 Euganea.

Entrambe le mamme - una ginecologa e una immunologa - non avevano mai contratto il virus e si erano sottoposte volontariamente alla vaccinazione. "Decorso regolare per entrambe le gravidanze - aveva dichiarato l'azienda sanitaria - le due signore non hanno segnalato effetti collaterali dopo l'inoculazione del vaccino. Le bambine, che alla nascita pesavano circa 3 chili, stanno bene, sono a casa e vengono allattate esclusivamente al seno".

La bambina nata con gli anticorpi contro la Covid-19 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dottoressa si vaccina contro Covid-19, la figlia nasce con gli anticorpi: "Un messaggio di speranza per il futuro"

Today è in caricamento