rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
L'ordinanza di Musumeci

Mascherina obbligatoria all'aperto e controlli in aeroporto: nuove regole in Sicilia

La nuova ordinanza firmata da Musumeci sarà in vigore da domani, giovedì 2 dicembre: ecco cosa cambia

Il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, ha appena firmato un'ordinanza che contiene nuove misure restrittive per contrastare l'aumento di contagi che si sta registrando nelle ultime settimane sia sul territorio siciliano che a livello nazionale. Come spiegato dal governatore, le principali novità riguardano l'obbligo di mascherina e i controlli nei porti e negli aeroporti: "Ho appena firmato un'ordinanza con la quale ho adottato nuove restrizioni per chi arriva negli aeroporti siciliani dall'Egitto, dalla Turchia, da Israele, oltre che dal sud Africa. Abbiamo introdotto l'obbligo della mascherina all'aperto anche per chi ha compiuto 12 anni e per i migranti abbiamo previsto, alla fine della quarantena, che il tampone di controllo non sia più quello rapido ma quello molecolare". 

"In questa ultima settimana in Sicilia - ha aggiunto Musumeci - dove il disincanto e la diffidenza nei confronti del vaccino anti Covid, è stata ed è ancora particolarmente significativa, abbiamo avuto un incremento per la prima dose del 31% . Per la terza dose invece l'incremento è stato dell'81,66%. E' un dato che ha sorpreso anche me. E' evidente che i siciliani vogliono davvero fare il Natale in sicurezza, sia dal punto di vista sanitario che economico".

L'ordinanza con le nuove restrizioni, appena firmata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, entrerà in vigore da domani, giovedì 2 dicembre. Il provvedimento prevede l'obbligo di mascherina all'aperto per gli over 12, tampone molecolare a fine quarantena per i migranti e restrizioni per i passeggeri in arrivo da Egitto, Turchia e Israele, oltre che dal Sudafrica. Il governatore ha sottolineato la possibilità di "intervenire sugli scali internazionali dell'isola aumentando la platea degli Stati stranieri nei confronti dei quali prevedere restrizioni. Se i passeggeri che arrivano in Sicilia - ha spiegato - avessero anche solo transitato da Paesi quali l'Egitto, la Turchia, Israele e sud Africa, negli ultimi 14 giorni, avranno il dovere di informare l'Asp per poter attivare il protocollo previsto".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherina obbligatoria all'aperto e controlli in aeroporto: nuove regole in Sicilia

Today è in caricamento