rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Attualità

Mascherine: dove, quali (Ffp2 o chirurgiche) e fino a quando saranno obbligatorie al chiuso

Tutte le regole attuali e gli scenari per aprile

Dall'11 febbraio è scatto lo stop alle mascherine all’aperto in tutta Italia: tuttavia è obbligatorio averle con sè e utilizzarle in caso di assembramento. Restano invece obbligatorie al chiuso. Fino al 31 marzo 2022, si legge nell'ordinanza, "è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private" e "nei luoghi all’aperto è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie e di indossarli laddove si configurino assembramenti o affollamenti". Ma poi cosa succederà ad aprile? E, oggi come oggi, quali bisogna usare in varie situazioni, Ffp2 o chirurgiche? Facciamo il punto della situazione.

Dove bisogna usare le mascherine

Se dallo scorso venerdì 11 si è potuto tornare a circolare per le strade di città e paesi con il viso scoperto, è quindi obbligatorio non solo avere con sé la mascherina ma anche indossarla nelle situazioni di assembramento, che si possono creare nelle vie del centro o nelle piazze affollate. L’obbligo di mascherina resta anche nelle zone della movida, dove si raduna la folla fuori dai bar e dai locali: se non è garantito il distanziamento, bisogna indossare il dispositivo. Lo stesso quando ci si mette in fila per accedere a un servizio e non si può garantire il distanziamento a causa della moltitudine di persone o perché è impossibile garantire la giusta distanza: alle poste, prima di entrare nei negozi, oppure allo stadio. L’unica eccezione sul territorio nazionale è la Campania, dove un'ordinanza del presidente Vincenzo De Luca ha disposto il mantenimento di obbligo di mascherina all'aperto in ogni situazione, pena multe da 400 a 1.000 euro.

Con la fine dello stato d’emergenza potrebbe terminare anche l’obbligo di mascherine al chiuso? L’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza fissa fino al 31 marzo 2022 l’obbligo "sull’intero territorio nazionale di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private", ma varie fonti qualificate di governo hanno chiarito che non c’è alcun automatismo che possa definire già da ora la decadenza dell’obbligo dell’uso delle mascherine al chiuso a partire dal primo aprile, quando terminerà lo stato di emergenza.

Si deciderà più avanti. Da aprile, essendo entrati in una nuova fase, ha detto l'onnipresente sottosegretario Costa, "si allenteranno le misure come le mascherine al chiuso e il Green Pass". Ma sono auspici forse, supposizioni, nulla di cui in seno al governo è stato discusso apertamente. La decadenza dell'obbligo dell'uso delle mascherine al chiuso a partire dal primo aprile non è scritta da nessuna parte. Tutto dipenderà dall'andamento del quadro epidemiologico.

In quasi tutti i luoghi al chiuso si possono indossare sia mascherine di comunità, sia chirurgiche, sia il tipo Ffp2. Le mascherine di stoffa sono sconsigliate, perché servono a poco, ma non c'è una norma che le vieti espressamente in tutte le situazioni. Alcune realtà richiedono però obbligatoriamente mascherine di tipo Ffp2 o Ffp3: su tutti i mezzi di trasporto, per spettacoli aperti al pubblico che si svolgono all’aperto e al chiuso in teatri, sale da concerto, cinema, locali di intrattenimento, musica dal vivo ed eventi.

Green Pass, le nuove regole da oggi e il piano per toglierlo tra 45 giorni: cosa succederà

Ffp2 e chirurgiche: quando sono obbligatorie

Non c'è mai alcun obbligo di indossare la mascherina per i bambini di età inferiore ai sei anni, così come non c'è alcun obbligo di mascherine, né c'è mai stato, per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso dei dispositivi. Niente mascherine anche per le persone che devono comunicare con un disabile in modo da non poter fare uso del dispositivo (per esempio: chi debba interloquire nella Lis con persona non udente), chi stanno svolgendo attività sportiva.

Da ormai un mese e mezzo è stata abolita la quarantena in caso di contatto stretto con un soggetto confermato positivo al Covid per le persone che hanno completato il ciclo vaccinale primario da meno di 120 giorni, per i guariti da meno di 120 giorni, per chi ha ricevuto la dose di richiamo. C'è l’auto-sorveglianza con obbligo di indossare le Ffp2 fino al decimo giorno successivo all’esposizione con il soggetto positivo.

A scuola in determinate situazioni/casistiche l’uso della mascherine Ffp2 è obbligatorio in classe. Partiamo dalla scuola primaria, dove fino a quattro casi di positivi la didattica prosegue in presenza ma con mascherine Ffp2 fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso accertato. Invece oltre i cinque casi, per i non vaccinati, per quelli non hanno completato il ciclo vaccinale primario o che lo abbiano completato da più di 120 giorni o che siano guariti da più di 120 giorni scatta la dad per cinque giorni e per i cinque giorni successivi al rientro c'è l'obbligo di indossare mascherine Ffp2. Per coloro che hanno ciclo vaccinale completato da meno di 120 giorni, guariti da meno di 120 giorni, guariti dopo aver completato il ciclo vaccinale, dose di richiamo invece le lezioni sono sempre in presenza ma con mascherine Ffp2, fino 10 giorni dopo l'ultimo caso accertato.

Alle medie e alle superiori con un caso di positività servono mascherine Ffp2 fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso accertato. Con due più casi, per i non vaccinati, per quelli che non hanno completato il ciclo vaccinale primario o che lo abbiano completato da più di 120 giorni o che siano guariti da più di 120 giorni didattica digitale integrata per cinque giorni e per i cinque giorni successivi al rientro obbligo di indossare mascherine Ffp2. Per i vaccinati e guariti da non più di 120 giorni, didattica in presenza con mascherine Ffp2 fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso accertato.

Nel mondo

La governatrice di New York Kathy Hochul ha revocato l'obbligo delle mascherine al chiuso: mantiene però l'obbligo per le scuole e mezzi pubblici, come metropolitana, autobus e treni.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherine: dove, quali (Ffp2 o chirurgiche) e fino a quando saranno obbligatorie al chiuso

Today è in caricamento