rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
La misura in arrivo

Mascherine: dal 1° maggio non saranno più obbligatorie negli ospedali (con qualche eccezione)

Il governo è orientato a mantenere l'obbligo solo nei reparti con pazienti fragili e dove c'è alta intensità di cure. Novità in arrivo anche sui tamponi per chi si ricovera: saranno fatti solo ai sintomatici

Il prossimo 30 aprile scade l'obbligo di indossare le mascherine all'interno di ospedali e altre strutture sanitarie. L'intenzione del governo sembra essere quella di un alleggerimento delle misure, una linea confermata oggi dopo una riunione con gli esperti al ministero della Salute. Nel dettaglio, l'orientamento è di lasciare l'obbligo della mascherina solo nei reparti con pazienti fragili e dove c'è alta intensità di cure. In tutti gli altri reparti, dal 1° maggio, non dovrebbe essere più obbligatorio indossare il dispositivo di protezione. Un'altra novità è che i tamponi per chi si ricovera o arriva in pronto soccorso saranno fatti solo ai sintomatici. 

Lo stop all'obbligo trova d'accordo Massimo Ciccozzi, responsabile dell'Unità di Statistica medica ed Epidemiologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia del Campus Bio-Medico di Roma. "Con i dati epidemiologici Covid che abbiamo oggi, con sintomi così leggeri della malattia, un allentamento della misura delle mascherine in ospedali e Rsa ci sta" dice l'esperto all'Adnkronos. "Però per una questione di educazione sanitaria dove ci sono persone fragili, penso proprio alle Rsa, io la consiglieri, ma senza obblighi. Serve anche un atteggiamento di solidarietà verso chi sta male. Poi se uno la vuole mettere in treno o in aereo, benissimo. Lo fa per difendere se stesso e ne ha diritto".

Qualche dubbio in più lo nutre invece l'immunologo Mauro Minelli, coordinatore per il Sud Italia della Fondazione per la Medicina personalizzata, secondo cui abolire l'obbligo "ha senso laddove non vi siano situazioni di rischio immediato o di sovraffollamento; perché, altrimenti, non sarebbe sbagliato, per operatori sanitari e pazienti-degenti, continuare ad utilizzare la mascherina. Il discorso potrà essere diverso per chi, da accompagnatore, impiega tempi ragionevolmente ridotti di permanenza nei pronto soccorso e nelle accettazioni. Insomma, si può e si deve uscire dal tunnel, ma senza insofferenze verso le nuove normalità". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherine: dal 1° maggio non saranno più obbligatorie negli ospedali (con qualche eccezione)

Today è in caricamento