Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità

Matteo Bassetti: "La terza ondata è molto probabile. I vaccini? Chi è scettico sbaglia"

L'infettivologo del San Martino di Genova: "Dobbiamo metterci in testa che con il coronavirus dovremo convivere e non esserne terrorizzati"

Matteo Bassetti, ANSA/LUCA ZENNARO

La terza ondata ci sarà, o almeno è "molto probabile". A dirlo, raggiunto dall’AdnKronos, è Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e membro dell'Unità di crisi Covid-19 della Liguria. "È chiaro una terza ondata Sars-CoV-2 sarà molto probabile - le parole dell’infettivologo, ma forse ne avremo anche una quarta o una quinta. Dobbiamo metterci in testa che con il coronavirus dovremo convivere e non esserne terrorizzati. Abbiamo imparato a fare la diagnosi e riconoscerne i sintomi".

Oggi secondo Bassetti "sappiamo tracciare i contatti e assistere chi ha bisogno di cure in ospedale. Immagino che nel 2021 avremo altri focolai e probabilmente picchi Sars-CoV-2, ecco perché i sistemi sanitari non devono rilassarsi ma essere sempre pronti a riconvertire le strutture in reparti Covid. Sta arrivando il vaccino, anzi i vaccini. Gli italiani devono essere fiduciosi e non preoccupati".

Bassetti e i vaccini: "Se Ema e l'Aifa li approvano saranno sicuri"

Ieri l’infettivologo ha parlato anche di vaccini, spiegando sulla sua pagina facebook che "la posizione scettica di alcuni è profondamente sbagliata perché insinuerebbe che gli enti preposti (FDA, EMA e AIFA) non farebbero adeguatamente il loro ruolo di garanti della sicurezza".

"Io credo comunque che dovremo ringraziare chi ha espresso scetticismo - ha detto ancora -, perché è riuscito a compattarci e a unire tutti i medici contro queste posizioni"

"I vaccini devono essere considerati sicuri. Se l'Ema e l'Aifa li approveranno saranno da considerarsi sicuri senza se e senza ma.

Le vaccinazioni hanno cambiato e migliorato la storia della medicina e dell’umanità: negarlo non solo è anacronistico, ma rappresenta un atteggiamento pericoloso.

Anche i politici dovrebbero prendere una posizione chiara: di qua o di là - siamo con i vaccini o siamo contro i vaccini. Non bisogna essere titubanti.

Ora serve uno sforzo enorme per organizzare il piano vaccinale e per spiegare a tutti l’importanza di questo presidio medico.

Se ne arriveranno nel breve, come sembra, addirittura 4. Sarà ancora meglio. Più ce ne saranno e più facile sarà vaccinare tutti rapidamente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo Bassetti: "La terza ondata è molto probabile. I vaccini? Chi è scettico sbaglia"

Today è in caricamento