Mercoledì, 24 Febbraio 2021

Salvini risponde a Ilaria Cucchi: "Pronto a incontrare la famiglia"

Il ministro dell'Interno ha accettato l'invito a incontrare la famiglia e a vedere il film su Stefano Cucchi, ma precisa: le forze dell'ordine "devono essere facilitate e non ostacolate"

"Voglio dire che sono pronto ad incontrare volentieri la famiglia e a vedere il film. Ma anche a continuare a difendere la possibilità di lavorare delle nostre forze dell'ordine". Il ministro dell'Interno Matteo Salvini risponde così a Ilaria Cucchi che ieri, dalla Mostra del Cinema di Venezia, ha detto di voler dedicare il film che racconta la storia del fratello Stefano proprio al ministro e segretario della Lega e che poi in un post su Facebook aveva espresso la volontà di incontrarlo

"Se in pochi o pochissimi hanno sbagliato indossando una divisa vanno puniti anche più degli altri - ha affermato Salvini - ma difendo il diritto alla sicurezza, a una vita serena alle centinaia di migliaia di forze dell'ordine che devono essere facilitate e non ostacolate. Ma ribadisco la mia disponibilità a incontrare i famigliari e a spiegare cosa farò da ministro".

Intervistata dalla trasmissione Omnibus di La7, Ilaria Cucchi ha accolto favorevolmente le parole del Ministro dell'Interno: "Quelli che criticano solo coloro che non hanno visto il film, quindi l'invito è ad andarlo a vedere. Rispetto alla risposta che ho ricevuto dal ministro Salvini, lo incontrerò volentieri. Però - ha detto Ilaria Cucchi - invito anche lui a vedere prima il film, perchè questo film deve far riflettere tutti e lui per primo. Stefano rappresenta molto. Rappresenta un essere umano di cui in quei sei giorni sono stati violati e negati tutti i diritti. Siamo in un momento complicatissimo e difficilissimo per il nostro Paese, in cui in qualche maniera si sta facendo passare il concetto che il nostro benessere è legato alla violazione dei diritti di altri. Ecco perchè questo film è così importante e così attuale".

Gli ultimi sette giorni di vita di Stefano Cucchi 

Ieri sera, dopo la proiezione di 'Sulla mia pelle' di Alessio Cremonini, la sorella di Stefano Cucchi aveva scritto un post su Facebook in cui chiede di incontrare il titolare del Viminale. "Voglio incontrare questo famoso ministro Salvini - si legge nel post - Pubblicamente. Guardarlo negli occhi. Senza dire nulla. Fargli abbassare quello sguardo freddo ed inespressivo. A Ste, questo non avrà mai il coraggio. E poi lui si che fa parte della casta. Non abbiamo giustamente preso un euro da questo film ma la soddisfazione è tanta. Tu sei un atto d’accusa vivente, sì, vivente, contro quel modo di pensare ignorante e violento. Tu che di violenza sei morto. Ti abbraccio forte forte".

La notizia su RomaToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini risponde a Ilaria Cucchi: "Pronto a incontrare la famiglia"

Today è in caricamento