Venerdì, 23 Aprile 2021

Messe in chiesa aperte ai fedeli, gli esperti avvertono: chi (e perché) rischia di più

Dal 18 maggio riprendono le messe cattoliche, con nuove regole. Pregliasco: "Avrei aspettato ancora un po', non siamo fuori dal rischio". Galli: "Messe? Meglio se gli anziani restano ancora a casa"

Foto di archivio Ansa

Le messe cattoliche riprenderanno da lunedì 18 maggio. Ieri è stato firmato a Palazzo Chigi un protocollo che permetterà a partire da quella data la ripresa delle celebrazioni con il popolo, firmato dal presidente della Cei (Conferenza episcopale italiana), il cardinale Gualtiero Bassetti, dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese. Le misure di sicurezza indicate nel protocollo prevedono tra l'altro il numero chiuso (con possibilità di aumentare le celebrazioni), le mascherine obbligatorie, il rispetto della distanza di un metro tra i fedeli, la distribuzione della comunione con guanti monouso e senza toccare le mani del fedele, l'igienizzazione costante degli ambienti (dopo ogni celebrazione) e degli oggetti (dai leggii ai microfoni) e il divieto di ingresso in chiesa a chi ha una temperatura corporea superiore a 37,5 gradi o a chi è stato in contatto con positivi al Covid-19.

Saranno i parroci a stabilire, per ogni chiesa, il numero massimo di persone che possono essere accolte. Le entrate e le uscite, per quanto possibile, saranno separate e le porte resteranno aperte per evitare, tra l'altro, che le persone tocchino le maniglie. All'ingresso i fedeli troveranno vuote le acquasantiere, pieni i dispenser di liquido disinfettante. Le offerte dovranno essere raccolte attraverso contenitori "fissi" all'interno della chiesa e non con il tradizionale giro tra i banchi. Aboliti il segno della pace e il coro, mentre è ammesso un organista. Regole di sicurezza anche per le confessioni, da tenersi in luoghi ampi e areati pur con il rispetto della riservatezza richiesta dal sacramento stesso, con mascherine per il sacerdote e il fedele. Infine le cresime vengono rinviate a data da destinarsi, mentre si possono celebrare matrimoni e battesimi. Sarà poi possibile celebrare messa all'aperto nel caso in cui la chiesa non sia idonea a soddisfare tutti i criteri di sicurezza previsti dal protocollo. Continueranno in ogni caso ad essere trasmesse le celebrazioni in streaming, anche per favorire il rispetto del divieto di assembramento.

Messe in chiesa aperte ai fedeli dal 18 maggio: cosa dicono gli esperti

Gli esperti però mettono in guardia sui rischi, soprattutto per le persone anziane che frequentano i luoghi di culto. "La riapertura delle chiese è molto desiderata. Dal punto di vista del rischio di avere assembramenti, però, questo li aumenta, ogni rubinetto di apertura crea problematiche. Spero e credo che venga attuato nel miglior modo possibile, è una questione soprattutto di responsabilità e di autoconvincimento che non è ancora finita, non siamo fuori dal rischio. Io avrei aspettato ancora un po'". Lo ha detto a Radio Capital il virologo Fabrizio Pregliasco, commentando la riapertura a partire dal 18 maggio prossimo delle celebrazioni ai fedeli dopo la firma del protocollo da parte del governo e della Cei.

"Il rischio - ha sottolineato il direttore sanitario dell'Istituto Galeazzi di Milano e docente di Igiene all'Università Statale - è più elevato per gli anziani, quindi è necessario che ci siano misure stringenti, eventualmente anche, e qui servirà un impegno da parte dei parroci, moltiplicare le occasioni di incontro, dare maggiori occasioni di essere presenti al rito, per garantire il massimo distanziamento. L'organizzazione e la responsabilizzazione saranno elementi determinanti. Magari - ha concluso Pregliasco - si potrebbero prevedere prenotazioni online, come stiamo immaginando per le attività sanitarie e altri ambiti. Bisogna migliorare l'efficienza e la sicurezza di questi momenti di raccoglimento".

Più o meno dello stesso parere Massimo Galli, primario di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano: "Non mi tirate sempre in mezzo con questa storia delle messe... Io dico che ho il massimo rispetto e sono molto contento se si riuscirà, nelle regole del distanziamento, a poter celebrare tutti i riti di tutte le religioni anche in ambito pubblico. Ma il punto è che soprattutto gli anziani, che sono importanti frequentatori dei luoghi di culto, devono stare ben attenti e quindi se restano a casa ancora un po' non è una cattiva idea". 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messe in chiesa aperte ai fedeli, gli esperti avvertono: chi (e perché) rischia di più

Today è in caricamento