rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Il caso

Morti dopo il vaccino covid: l'errore di Aifa che fa litigare gli esperti e i veri dati degli effetti avversi

È diventato virale nelle chat novax un video dove il presidente di Aifa Giorgio Palù dice che per il vaccino in Italia nell'anno 2021 sono morte 608 persone: ma non è così

Circola nelle chat dei novax (ed è stato anche ripreso da un noto quotidiano nazionale, ndr) un video dove il presidente di Aifa Giorgio Palù dice che per il vaccino in Italia nell'anno 2021 sono morte 608 persone. È un errore che purtroppo Palù ha commesso in audizione in Senato facendo riferimento a tutti i decessi segnalati in seguito al vaccino, ma i decessi risultati in correlazione causale con il vaccino una volta indagati si sono ridotti a 16.

palu-2

Basterebbe osservare nel dettaglio il rapporto di farmaco vigilanza per capire l'errore commesso da Palù: nel dettaglio sono stati segnalati 14 casi di eventi avversi gravi ogni 100.000 dosi di Comirnaty, 15 ogni 100.000 dosi di Spikevax, 35 ogni 100.000 dosi di Vaxzevria e 22 ogni 100.000 dosi di Janssen.

decessi dopo vaccino-2

Complessivamente delle 608 segnalazioni gravi che riportano l’esito “decesso” (397 dopo la prima dose e in 211 dopo la seconda), solo 16 casi sono risultati correlati al vaccino: nessuno in seguito allo shock anafilattico o reazioni allergiche e la quasi totalità in seguito a complicanze di malattie o condizioni già presenti prima della vaccinazione, o per fallimento vaccinale ovvero un decesso per Covid-19 dopo la vaccinazione.

decessi dopo vaccino causa-2
Dati raccolti da Vittorio Nicoletta

Ovviamente non si ha pretesa di avere una valutazione completa, ma qui ci rifacciamo solo ai dati veri raccolti in modo scientifico dall'agenzia del farmaco. Inoltre l'ultimo rapporto AIFA pubblicato il 12 ottobre 2021 considera casi confermati fino a settembre, pertanto manca il rapporto sulla 18enne di Genova Camilla Canepa morta dopo AstraZeneca. È pertanto logico aspettarsi che nel prossimo rapporto che dovrebbe essere pubblicato a gennaio 2022 sia riportato un aumento dei decessi correlabili.

Discorso a parte merita il fenomeno delle miocarditi attenzionato dall'agenzia europea del farmaco (Ema) e - ora che si apre alla vaccinazione pediatrica con i vaccini mRna - assurto ad argomento di discussione. Al momento dell'approvazione di Ema e Aifa negli Stati Uniti erano stati già vaccinati 3,5 mln di bambini senza segnali di allarme. Anche i dati per gli over12 indicano un rischio molto raro di miocarditi per i vaccini a mRna nell'ordine di uno ogni 20mila soggetti circa come spiegato dal direttore generale Aifa, Nicola Magrini, in audizione in commissione Sanità del Senato. "Per gli eventi avversi di miocardite nella fascia over12, si rileva una leggera, maggiore incidenza per il vaccino Moderna rispetto a quello Pfizer, ma parliamo di un'incidenza di 0,6 per 100mila rispetto a circa 1 per 100mila, quindi sono numeri insufficienti per una scelta differenziale tra i due vaccini per questa fascia", spiega Magrini che ricorda come ad ogni modo si tratti di effetti molto più lievi e transitori a differenze delle miocarditi provocate dal Covid.

Articolo aggiornato il 10 dicembre 2021

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti dopo il vaccino covid: l'errore di Aifa che fa litigare gli esperti e i veri dati degli effetti avversi

Today è in caricamento