rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Le sanzioni

Multe da 100 a 1.500 euro, fino al processo: cosa rischia chi non è in regola con vaccino, green pass o quarantena

Tutte le conseguenze per i no vax e per chi esce di casa se positivo al covid, violando l'obbligo di isolamento domiciliare

Da lunedì 10 gennaio in tutta Italia entrano in vigore le nuove regole legate al super green pass, che segnano un'ulteriore stretta per i non vaccinati. Il certificato verde rafforzato, che si ottiene soltanto con la vaccinazione completa o con la guarigione dal coronavirus da meno di sei mesi, serve ora per accedere a diversi servizi. Le nuove regole sul green pass rafforzato sono contenute nel decreto del governo dello scorso dicembre: da oggi valgono indipendentemente dal colore della regione e restano in vigore fino al 31 marzo 2022, quando si conclude lo stato d'emergenza (se non ci saranno altri rinvii legati alla situazione epidemiologica). Inoltre, è in vigore dall'8 gennaio e fino al 15 giugno 2022 il decreto legge che impone l'obbligo vaccinale contro il covid a tutti i cittadini italiani e di altri Stati residenti in Italia che abbiano compiuto 50 anni o che li compiranno entro il 15 giugno. Cosa rischia chi non rispetta le nuove misure? Dalla multa al processo penale per chi esce di casa se positivo al covid, ecco a cosa vanno incontro i no vax.

Le multe per chi non si vaccina

È prevista la sanzione amministrativa di 100 euro una tantum per tutti gli over 50 (lavoratori e non) che, a partire dal 1° febbraio 2022, non sono in regola con l'obbligo vaccinale. A sanzionare i no vax sarà l'Agenzia delle Entrate, attraverso l'incrocio dei dati della popolazione residente con quelli risultanti nelle anagrafi vaccinali, su scala regionale o provinciale. La sanzione (che ha suscitato molte polemiche) non implica conseguenze penali e, in base a quanto specificato dal governo, potrà essere comminata una sola volta nell'arco della vita del cittadino. Questo ovviamente sempre che non commetta altre violazioni come quelle che vedremo qui di seguito.

Difatti, l'aver subìto la multa per la mancata vaccinazione non equivale ad avere un green pass, con accesso libero sul luogo di lavoro o nei locali pubblici o aperti al pubblico. Anche chi viene sanzionato, infatti, dovrà esibire comunque il green pass o il super green pass, a seconda del luogo. Chi non paga la sanzione amministrativa da 100 euro rischia tutt'al più un pignoramento, ossia la riscossione esattoriale da parte di Agenzia delle Entrate-riscossione. Quindi ci potrà essere il blocco del conto corrente nei limiti del valore della multa o del quinto dello stipendio o della pensione.

Le sanzioni per chi va a lavorare senza certificato

Per i lavoratori pubblici e privati e per i i liberi professionisti soggetti all'obbligo di vaccino anti covid, o soggetti all'obbligo di green pass base, che accedano ai luoghi di lavoro senza la certificazione richiesta, è già prevista la sanzione economica da 600 a 1.500 euro. Tale sanzione viene raddoppiata se l'inadempimento viene reiterato. La stessa sanzione si applicherà ai lavoratori over 50 tenuti ad esibire dal 15 febbraio prossimo il green pass rafforzato, se andranno a lavorare pur non avendo adempiuto all'obbligo di vaccinazione. E come già avviene per i lavoratori privi di green pass, anche gli addetti ultra cinquantenni che dal 15 febbraio saranno sprovvisti del certificato verde rafforzato per accedere al luogo di lavoro saranno considerati assenti ingiustificati, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro, ma senza diritto alla retribuzione né ad altro compenso o emolumento.

Il mancato possesso per quattro giorni (anche non consecutivi) del super green pass attestante l'obbligo adempiuto, fa scattare, a partire dal quinto giorno, la sospensione dal servizio e dallo stipendio. Nel caso dei docenti e del personale scolastico, contestualmente, scatta per i dirigenti il diritto di nominare un supplente che resterà in servizio fino all'eventuale rientro del diretto interessato, che si sia messo in regola con le prescrizioni previste dalla normativa.

Multa per chi accede ai locali e ai pubblici servizi

È poi prevista una sanzione amministrativa da 400 a 1.000 euro per chi non possiede il green passo o il super green pass e ciononostante accede a servizi e attività in cui è obbligatorio avere il certificato. La stessa sanzione si applica al soggetto tenuto a controllare il possesso del green pass, se omette di effettuare il controllo. Se vengono riscontrate due violazioni in due distinti giorni, a partire dalla terza, il titolare dell'attività può vedersi disposta la chiusura da un minimo di uno a un massimo di dieci giorni.

Il processo penale per chi esce di casa se positivo

Chi è positivo al Covid-19 e, nonostante l'obbligo di quarantena, esce di casa commette reato e può essere incriminato ai sensi dell'articolo 438 del codice penale per diffusione di epidemia, reato per il quale viene previsto addirittura l'ergastolo. Il responsabile può essere denunciato da chiunque lo veda fuori di casa.

Il ristoratore che allontana i carabinieri durante i controlli sul green pass

Le cose che i non vaccinati non possono più fare da oggi

Super green pass: cosa cambia da oggi, le 4 date da cerchiare in rosso e dove si rischia la zona arancione

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe da 100 a 1.500 euro, fino al processo: cosa rischia chi non è in regola con vaccino, green pass o quarantena

Today è in caricamento