Martedì, 1 Dicembre 2020

De Luca ci ripensa: in Campania tornano a scuola i bimbi da 0 a 6 anni

La decisione del Governatore dopo le proteste dei genitori. Restano chiuse tutte le altre scuole

Vincenzo De Luca

Da domani è consentita, anche in presenza, l'attività delle scuole dell'infanzia della Campania. Tornano in classe i bimbi della fascia 0-6 anni che frequentano nidi e asili. Lo dispone l'integrazione all'ordinanza numero 79 della Regione che risponde alla richiesta dei sindaci "pervenuta all'Unita' di Crisi attraverso l'Anci, e nelle more di specifici congedi parentali per i genitori". 

Restano invece chiuse tutte le altre scuole di ogni ordine e grado. L'ordinanza firmata ieri da De Luca prevede anche la sospensione delle attività didattiche e di verifica in presenza anche nelle università della Campania, fatta eccezione per quelle relative agli studenti del primo anno.

Vietate tutte le feste anche conseguenti a cerimonie, civili o religiose, in luoghi pubblici, aperti pubblico e privati, al chiuso o all'aperto, con invitati estranei al nucleo familiare convivente.

Si prescrive la sospensione delle attività di circoli ludici e ricreativi e si raccomanda di differenziare gli orari di servizio del personale presente in enti e uffici.

L'ordinanza prevede inoltre nuove limitazioni orarie per la vendita di cibo da asporto: a tutti gli esercizi di ristorazione è fatto divieto di vendita con asporto dalle ore 21, resta consentito il delivery senza limiti di orario.

La nuova ordinanza coronavirus della Regione Campania

  • Scuole chiuse da domani fino al 30 ottobre;
  • Sospese le attività in presenza delle università;
  • Vietate tutte le feste con invitati estranei ai conviventi;
  • Sospense le attività di circoli ludici e ricreativi;
  • Divieto di vendita di cibo da asporto dopo le 21, resta consentito il delivery.

De Luca e il coronavirus in Campania: coprifuoco per Halloween

Oggi De Luca ha espresso (di nuovo) le sue preoccupazioni sull'emergenza coronavirus in Campania, dove si registra un costante e preoccupante incremento di contagi. Il governatore ha risposto anche alle polemiche sull'ultima ordinanza che prevede la chiusura delle scuole fino a venerdì 30 ottobre e pesanti divieti alle libertà sociali. De Luca difende i provvedimenti presi in questi giorni e ne annuncia altri più restrittivi su movida e mobilità in Campania.

Queste le parole di Vincenzo De Luca: "Abbiamo una situazione talmente grave in Italia che è importante la solidarietà e l'unità. Non risponderò a nessuno degli attacchi. Sull'epidemia i numeri di oggi di contagiati sono molto più grandi di marzo e aprile, ma c'è minore gravità del contagio. Il numero di asintomatici è maggiore rispetto a prima, ma con l'inverno e con gli anziani a rischio potrebbe tornare critica la situazione. Meglio prendere ora decisioni forti. È ragionevole prendere oggi decisioni difficili. La Campania è la più esposta, siamo la regione con la maggiore densità d'Italia, difficoltà di distanziamento, maggiore congestione urbana. Per quello prendiamo decisioni più rigorose degli altri. L'area metropolitana di Napoli è la zona più pericolosa d'Italia per la densità. La cosa più importante è salvare la vita delle persone. Abbiamo avuto 487 contagi finora, molti meno delle altre regioni virtuose d'Italia. Grazie al nostro screening e alla prevenzione riusciamo a contenere in maniera più efficace i contagi. Le vaccinazioni sono a buon punto, così abbiamo messo al sicuro le persone a rischio".

"Le mezze misure non servono più a niente, prima prendiamo decisioni forti meglio è. Se tardiamo ci avviciniamo al momento in cui saremo costretti a prendere decisioni ancora più gravi ma con l'acqua alla gola. È responsabile prendere oggi decisioni difficili senza attendere oltre". 

Il bambino in grembiule blu seduto davanti alla scuola chiusa a Salerno contro De Luca

Crescono ancora i contagi in Campania

"Oggi abbiamo 1261 positivi su 14mila tamponi eseguiti - ha precisato De Luca -. Le decisioni che prendiamo sono per il bene comune. Siamo stati giorni a valutare cosa inserire nell'ordinanza, ma abbiamo deciso alla fine non di chiudere le scuole, ma di fare didattica a distanza per 15 giorni per contenere l'onda di contagio. Il problema delle scuole non è in classe ma per gli assembramenti davanti alle scuole. Non si blocca la didattica ma è a distanza. Stiamo cercando di migliorare i trasporti per chi va a scuola. Sì anche ad orari differenziati per gli ingressi a scuola. Servono congedi parentali per chi lavora e ha figli da 0 a 3 anni. Mi appello al Governo".

Coprifuoco in Campania per Halloween

De Luca ha continuato: "Prenderemo decisioni nelle prossime ore sulle attività commerciali che determinano assembramenti. Bloccheremo la movida. Halloween è una stupida americanata. È una imbecillità. Chiuderò tutto alle 22 in quella settimana. Sarà coprifuoco. Stop alla mobilità alle 24, stiamo valutando. Ho proibito tutto, feste, matrimoni, ricevimenti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca ci ripensa: in Campania tornano a scuola i bimbi da 0 a 6 anni

Today è in caricamento