Sabato, 25 Settembre 2021
Ritorno a scuola

"Niente mascherine in classe? Rischio emarginazione per i non vaccinati"

L’allarme dei presidi dopo le parole di ministri Speranza e Bianchi. Il presidente dell’Anp Giannelli lancia una proposta: una “super app” come quella che dovrà essere lanciata per il personale scolastico

Continuano a far discutere le parole di ieri del ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi: "Dove ci sono classi di vaccinati si possono togliere le mascherine e si può tornare a sorridere". Una frase ripresa anche dal ministro della Salute Roberto Speranza. Sono arrivati infatti diversi pareri contrari. Per Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione Nazionale Presidi, "nelle classi ci sarà sempre qualcuno di non vaccinato. E questo creerà una situazione di disagio, con il rischio di emarginazione da parte dei ragazzi che vorrebbero levare la mascherina". "Fermo restando che aspiriamo tutti a tornare a una situazione di normalità, resta il fatto che né i dirigenti né i docenti possono avere informazioni sullo stato di vaccinazione di un alunno. Come facciamo dunque a saperlo?", ha detto Giannelli all'Ansa, lanciando poi una proposta alternativa: "Si potrebbe ovviare con una super app, come quella che dovrà essere varata per i docenti, con cui si può sapere quali sono le classi completamente vaccinate senza dover chiedere ad ognuno certificati o documentazioni". 

Fonti del ministero dell'Istruzione, citati dalle agenzie, hanno ricordato che "la possibilità di togliere la mascherina nelle classi composte da studenti che abbiano tutti completato il ciclo vaccinale è prevista dal decreto legge del 6 agosto per l'avvio del nuovo anno scolastico" e che a viale Trastevere "si sta lavorando per l'attuazione di questa novità che non vuole assolutamente creare discriminazioni". 

Niente mascherine se in classe tutti vaccinati, timori e pareri contrari

Timori su un eventuale rischio di discriminazione erano stati espressi anche dalla sottosegretaria all'Istruzione Barbara Floridia, che all'Adnkronos ha detto di condividere "l'obiettivo" del ministro Bianchi considerando "auspicabile un ritorno alla normalità". Il proposito di Bianchi di far abbassare le mascherine si regge, secondo la sottosegretaria, sull'impianto normativo definito dal Decreto 111/2021 "che specifica che protocolli o linee guida possano derogare all'uso della mascherina in classi di studenti che abbiano tutti completato il ciclo vaccinale o abbiano un certificato di guarigione in corso di validità. Detto questo occorre una valutazione approfondita - ha rimarcato Floridia - Il mio timore è che si possano creare discriminazioni fra gli studenti non essendo possibile, a normativa vigente, sapere se gli studenti e le studentesse siano vaccinati o meno e soprattutto non possiamo rischiare di vanificare gli sforzi che abbiamo profuso per portare i ragazzi in presenza per l'intero anno scolastico". Tuttavia, ha aggiunto, "non credo possa entrare in vigore nell'immediato perché sono necessarie ulteriori valutazioni e va sempre considerato l'andamento dei contagi. Facciamo partire l'anno scolastico in presenza e successivamente ne valuteremo la fattibilità".

La possibilità di togliere la mascherina in classe qualora siano presenti tutti vaccinati non piace però neanche a Massimo Andreoni, direttore scientifico della SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive), che ha spiegato: "Le misure di contenimento devono essere mantenute perché il vaccino protegge dalle infezioni ma non completamente. Anche i vaccinati possono trasmettere la malattia" e "gli ambienti chiusi espongono a un rischio di trasmissione". Parere contrario anche quello di Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, che Twitter aveva ricordato che “i dati sul calo della protezione vaccinale nei più giovani non supportano questa decisione”.

Contraria anche Giorgia Meloni. "Non comprendo la ratio di far togliere la mascherina in classe ai bambini vaccinati, perché non è vero che la vaccinazione ferma il contagio, puoi essere vaccinato ma essere contagiato e contagioso. Serve solo a mettere all'indice bambini e ragazzi non vaccinati", ha detto questa mattina a Morning News su Canale 5. "O il governo mi dice che non intende più considerare il dato del contagio ai fini delle chiusure, oppure questa misura di far togliere le mascherine in classe ai ragazzi ci riporta alla dad".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Niente mascherine in classe? Rischio emarginazione per i non vaccinati"

Today è in caricamento