Sabato, 8 Maggio 2021
Cosa dicono i numeri

Come i nuovi casi iniziano a scendere con le restrizioni (ma ci sono due segnali negativi)

Lieve decremento dei nuovi contagi, seppur con differenze regionali, nell'ultimo monitoraggio della Fondazione Gimbe sull'andamento dell'epidemia. L'allarme per le terapie intensive e il ciclo vaccinale completato solo per un over 80 su cinque

I nuovi casi covid cominciano finalmente a scendere per l'effetto delle misure restrittive di contenimento dell'epidemia, ma sono due i segnali che preoccupano in questo inizio di primavera: le terapie intensive sopra la soglia critica del 30% in 12 regioni e la lentezza della campagna di vaccinazione. Vediamo cosa dicono i numeri. Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe rileva nella settimana 17-23 marzo 2021, rispetto alla precedente, una lieve riduzione dei nuovi casi (150.033 vs 157.677) (figura 1) e dei decessi (2.327 vs 2.522). Continuano invece ad aumentare i casi attualmente positivi (560.654 vs 536.115), le persone in isolamento domiciliare (528.680 vs 506.761), i ricoveri con sintomi (28.428 vs 26.098) e le terapie intensive (3.546 vs 3.256) (figura 3). In dettaglio, rispetto alla settimana precedente, si registrano le seguenti variazioni:

  • Decessi: 2.327 (-7,7%)
  • Terapia intensiva: +290 (+8,9%)
  • Ricoverati con sintomi: +2.330 (+8,9%)
  • Isolamento domiciliare: +21.919 (+4,3%)
  • Nuovi casi: 150.033 (-4,8%)
  • Casi attualmente positivi: +24.539 (+4,6%)

Figura_1 (3)-2-2

Figura_3 (3)-2

"Nel pieno della terza ondata - dichiara Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - si intravedono i primi segnali di miglioramento: dopo quattro settimane consecutive si inverte il trend dei nuovi casi settimanali e si riduce l’incremento percentuale dei nuovi casi". Tuttavia, il dato nazionale risente di situazioni regionali molto eterogenee: infatti, in 10 regioni l’incremento percentuale dei nuovi casi è ancora in crescita e in 14 regioni si amplia il bacino dei casi attualmente positivi (tabella).

Tabella_indicatori (4)-2

Il colore delle regioni e i nuovi casi in riduzione

Per la maggior parte delle regioni è evidente la netta correlazione tra variazione percentuale dei nuovi casi e il “colore” delle Regioni di 3 settimane fa. Infatti, nella maggior parte delle regioni che erano in zona rossa o arancione o avevano comunque attuato rigorose restrizioni mirate, la variazione percentuale dei nuovi casi è in riduzione: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Lombardia, Marche, Molise, provincia autonoma di Bolzano, provincia autonoma di Trento, Umbria. Viceversa, lo stesso dato è in aumento in Calabria, Lazio, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta e Veneto, che 3 settimane fa erano in area gialla o bianca. La situazione di Friuli-Venezia Giulia, Piemonte e Toscana è di più difficile interpretazione, dimostrando che altri fattori (es. intensità dell’attività di testing, rispetto delle misure individuali) influenzano la curva dei contagi.

"Nonostante la lieve flessione della curva dei contagi - commenta Renata Gili, responsabile ricerca sui servizi sanitari della Fondazione Gimbe - peggiora la situazione sul versante ospedaliero, anche perché la terza ondata è partita da un “altopiano” molto elevato di posti letto occupati". Infatti, a livello nazionale entrambe le soglie di allerta di occupazione di posti letto da parte di pazienti covid in area medica (>40%) e in terapia intensiva (>30%) sono superate: rispettivamente 43% e 39%. Superata la soglia d’allarme in 10 e 12 Regioni rispettivamente per l’area medica e per le terapie intensive, che in 5 regioni hanno una saturazione ≥40% (Umbria, Friuli-Venezia Giulia, Molise, Abruzzo, Toscana) e in 5 ≥50% (Marche, Lombardia, provincia autonoma di Trento, Piemonte, Emilia-Romagna).

Figura_4 (3)-2

"Su questo fronte - spiega Marco Mosti, direttore operativo della Fondazione Gimbe - è incoraggiante la frenata dei nuovi ingressi giornalieri in terapia intensiva: la curva della media mobile a 7 giorni dopo 4 settimane di incremento si è appiattita" (figura 5).

Figura_5 (2)-2-2

Tutti i ritardi sui vaccini

Per quanto riguarda i vaccini, delle dosi previste per il primo trimestre 2021, al 24 marzo (aggiornamento ore 6.01) risultano consegnate alle regioni 9.911.100 dosi (63,1%), al netto di ritardi di notifica. In dettaglio:

vaccini primo semestre 2021-2

Al 24 marzo (aggiornamento ore 6.01) hanno completato il ciclo vaccinale con la seconda dose 2.624.201 milioni di persone (4,4% della popolazione), con marcate differenze regionali: dal 3,4% di Sardegna e Calabria al 5,7% del Friuli-Venezia Giulia (figura 6). "Sul fronte AstraZeneca - spiega Gili - nessun contraccolpo dopo lo stop della scorsa settimana: infatti, nelle giornate di domenica 21, lunedì 22 e martedì 23, il numero di somministrazioni ha superato quello dei giorni corrispondenti della settimana precedente" (figura 7).

Figura_7 (2)-2-2

Rispetto alle fasce più a rischio, si conferma il notevole ritardo nella vaccinazione degli oltre 4,4 milioni di over 80: solo 846.007 (19,1%) hanno completato il ciclo vaccinale e 1.210.236 (27,4%) hanno ricevuto solo la prima dose di vaccino, con rilevanti e ingiustificabili differenze regionali (figura 8). "Questi dati - spiega Cartabellotta - certificano l’impossibilità di raggiungere l’obiettivo della Commissione Europea di immunizzare almeno l’80% degli over 80 entro fine marzo, sia perché la loro vaccinazione è iniziata solo a metà febbraio, sia perché le Regioni hanno dato priorità a categorie non previste dal Piano vaccinale: il “personale non sanitario” e il non meglio spiegato “altro” – categoria comparsa proprio ieri nel database ufficiale – dove le somministrazioni continuano a crescere (figura 9)".

Figura_8 (1)-2

Figura_9-2

D’altronde, secondo i dati dell’ECDC, l’Italia si trova agli ultimi posti della classifica europea per soggetti over 80 che hanno completato il ciclo vaccinale. "Nel discorso di ieri in Parlamento - conclude Cartabellotta - il presidente Draghi ha auspicato di procedere, compatibilmente con la situazione epidemiologica, con un piano di graduali riaperture già dopo le festività pasquali, mettendo al primo posto la scuola. Tuttavia, per mettere fine all’estenuante stop&go degli ultimi mesi serve un piano strategico per guidare le riaperture con priorità basate su criteri espliciti, che tengano conto della probabilità di contagio e dell’impatto economico e sociale. Ma soprattutto, un piano guidato dalla consapevolezza che, nell’impossibilità di piegare la curva dei casi positivi per riprendere il tracciamento, questa tende inesorabilmente a risalire non appena si allentano le misure. E che senza un'adeguata copertura di persone fragili vaccinate tornano a riempirsi gli ospedali e ad aumentare i decessi".

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come i nuovi casi iniziano a scendere con le restrizioni (ma ci sono due segnali negativi)

Today è in caricamento