rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cosa ci attende

Il calendario del nuovo decreto covid con le date e le regole fino al 31 marzo 2022

Con le norme imposte dal decreto festività dello scorso 23 dicembre si è aperta una nuova fase nella campagna del governo contro la pandemia da coronavirus. Ecco i passaggi fondamentali che ci attendono nei prossimi mesi

Con due milioni e mezzo di persone attualmente in isolamento causa contatti con positivi al covid, in queste ore governo e regioni ipotizzano un accorciamento della quarantena per scongiurare una possibile paralisi delle attività produttive. Un parere per dirimere la questione è stato chiesto al Comitato tecnico scientifico, convocato per mercoledì 29 dicembre. L'ipotesi è quella di ridurre a 3-5 giorni l'isolamento dei contatti per chi abbia ricevuto la terza dose, a partire da inizio gennaio.

Ma al di là delle mosse ancora allo studio, l'arrivo della variante Omicron e le nuove norme imposte dal decreto festività dello scorso 23 dicembre hanno aperto una nuova fase nella campagna del governo contro la pandemia da coronavirus. Lo stato d'emergenza sanitaria, secondo quanto stabilito dal Consiglio dei ministri del 14 dicembre, dovrebbe finire il prossimo 31 marzo 2022, salvo ulteriori future proroghe. E sono diverse le date che, da oggi a fine a marzo, segneranno il calendario nella lotta contro il Covid-19.

Dalle terze dosi all'obbligatorietà del super green pass per tutta una serie di attività, ecco i passaggi fondamentali che ci attendono nei prossimi mesi. Da lunedì 27 dicembre è possibile somministrare le terze dosi di vaccino anti covid per tutti i giovani dai 16 anni in su. Le prenotazioni sono aperte anche per la fascia d'età compresa tra i 12 e i 15 anni, ma solo per chi presenta condizioni di fragilità ed è quindi più a rischio di sviluppare forme gravi dell'infezione. Sai può utilizzare soltanto il vaccino Comirnaty prodotto da Pfizer-BioNtech, a prescindere da quello ricevuto per il completamento del ciclo primario. Come specificato in una circolare del ministero della Salute, il dosaggio per la somministrazione dei richiami ai più giovani sarà di 0,30 ml.

Le nuove regole covid dal 30 dicembre 2021 e fino al 31 marzo 2022

Dal 30 dicembre 2021 e fino al 31 marzo 2022, poi, entreranno in vigore regole più severe per l'accesso dei visitatori nelle strutture socio-sanitarie e nelle residenze per anziani. Secondo quanto stabilito dal ministero della Salute, per fare visita alle strutture residenziali, socio-assistenziali, socio-sanitarie e hospice sarà obbligatorio quello che è stato definito come "mega green pass". Si tratta del certificato ottenuto a seguito di vaccinazione con terza dose, oppure con doppia dose ma accompagnata dall'esito negativo di un tampone anti covid, antigenico o molecolare.

Non solo, perché dal 10 gennaio 2022 scatteranno nuove regole per poter accedere a tutta una serie di luoghi. Solo chi sarà in possesso del super green pass - e quindi chi è vaccinato con doppia dose oppure è già guarito dall'infezione da coronavirus da non più di sei mesi - potrà entrare nelle piscine e nelle palestre al chiuso, nei musei e nei centri benessere al chiuso. La stessa regola varrà per l'accesso ai centri termali, salvo che per usufruire dei livelli essenziali di assistenza e attività riabilitative o terapeutiche, a parchi giochi e parchi tematici, a centri culturali, sociali e ricreativi al chiuso (esclusi i centri educativi per l'infanzia) e a sale gioco, sale scommesse, bingo e casinò. Così sarà anche per poter frequentare corsi di formazione in presenza.

Terza dose e green pass valido sei mesi

Il 10 gennaio 2022 è una data da tenere a mente anche per il vaccino. Secondo quanto dichiarato dal commissario straordinario all'emergenza Covid-19 Francesco Paolo Figliuolo, da quel giorno sarà possibile ricevere la terza dose a quattro mesi di distanza dal completamento del ciclo vaccinale primario. Il limite temporale in vigore attualmente è di cinque mesi. Infine, dal primo giorno di febbraio 2022 sarà ridotta la validità del green pass, che passerà così da nove a sei mesi.

Perché i tamponi rapidi sono poco affidabili

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il calendario del nuovo decreto covid con le date e le regole fino al 31 marzo 2022

Today è in caricamento