rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
La previsione

Omicron contagerà "quasi tutti"

E' l'opinione del principale esperto di malattie infettive negli Usa, Anthony Fauci

E' probabile che la variante Omicron del coronavirus contagerà "quasi tutti", ma le persone vaccinate avranno conseguenze meno gravi. E' l'opinione espressa dal principale esperto di malattie infettive degli Stati Uniti, Anthony Fauci. "Omicron, con il suo straordinario e senza precedenti grado di efficienza di trasmissibilità, alla fine contagerà quasi tutti", ha detto Fauci. "Coloro che sono stati vaccinati ... Saranno esposti al virus. Alcuni, forse molti di loro, verranno infettati ma molto probabilmente, con alcune eccezioni, se la caveranno ragionevolmente, nel senso che non avranno bisogno di ricovero ed eviteranno la morte". Al contrario, ha commentato Fauci, coloro che non sono vaccinati "subiranno il peso" della gravità della malattia.

Intanto l'Oms segnala che la dose booster non basta più a fronteggiare l'esplosione di contagi trainati dalla variante omicron. Servono vaccini specifici.

Per l’Ema gli attuali vaccini hanno una «minore efficacia» sulla nuova variante e in quest’ottica l'ente europeo ha fatto sapere che potrebbe approvare un prodotto specifico ad aprile-maggio (Pfizer ha annunciato che sarà pronto a marzo). Allo stesso tempo, l’agenzia del farmaco ha espresso cautela sui richiami, sostenendo che "vaccinazioni ripetute a brevi intervalli non rappresentano una strategia sostenibile a lungo termine". Il freno ai booster, per lo meno con gli attuali vaccini, può anche avere una lettura politica, ossia: è questo il momento di indirizzare le scorte delle aziende farmaceutiche per colmare il divario con i Paesi poveri.

Secondo l'Agenzia europea del farmaco inoltre la diffusione della variante Omicron trasformerà il Covid-19 in una malattia endemica con cui l'umanità potrà imparare a convivere. "Non sappiamo quando usciremo dal tunnel ma ci arriveremo", ha detto il capo della strategia vaccinale Ema Marco Cavaleri. "Con l'aumento dell'immunizzazione della popolazione e con Omicron, che darà un'immunizzazione naturale oltre la vaccinazione, ci avvicineremo velocemente verso uno scenario che sarà più vicino all'endemicità" ma "non dobbiamo dimenticare che siamo tuttora in pandemia", ha sottolineato.

"Entro marzo il 50% degli europei potrebbe essere infettato da Omicron"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicron contagerà "quasi tutti"

Today è in caricamento