rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Il virus mutato

Omicron: le primissime stime sull'efficacia dei vaccini

Due dosi potrebbero non bastare per fermare la variante, mentre con il booster la protezione rispetto all'infezione sintomatica risale al 70-75%. Il report dell'Health Security Agency

I vaccini sono meno efficaci contro la variante Omicron? Almeno dalle prime indicazioni questa domanda sembra avere una risposta affermativa. Nel dettaglio, si legge in un report dell'agenzia inglese Health Security Agency (UKHSA), con le due dosi rispetto a Delta la protezione contro l'infezione sintomatica è "significativamente più bassa", tuttavia con la somministrazione del booster l'efficacia risale intorno al 70-75%. Come spiega su facebook il biologo Enrico Bucci, docente negli Usa alla Temple University di Filadelfia, "almeno a pochi mesi dalla terza dose ci si ammala seriamente 4 volte di meno se si è fatto il richiamo". 

Per chi ha ricevuto due dosi di vaccino Pfizer, se la protezione contro Delta a 25 settimane dall'ultima somministrazione era del 60% con Omicron scende intorno al 40%. Più bassa la protezione offerta da due dosi AstraZeneca: nel report però viene però fatto presente che i numeri sono molto piccoli e riflettono "una popolazione più anziana" e "con più comorbilità" rispetto a chi è stato vaccinato con Pfizer. Dunque potrebbero essere fuorvianti. 

vaccini omicron-2

Non ci sono invece ancora dati sulla protezione nei confronti della malattia severa. Gli esperti dell'Health Security Agency spiegano però che con le altre varianti l'efficacia nei confronti dell'ospedalizzazione era risultata superiore rispetto a quella registrata nei confronti dell'infezione sintomatica. Si può dunque presumere che sia così anche per Omicron, ma senza averne la certezza. 

L'immunologa Mary Ramsay ha invitato a prendere le stime "con cautela" sebbene, ha ammesso, i dati suggeriscono "che pochi mesi dopo la seconda dose c'è un rischio maggiore di contrarre la variante Omicron rispetto al ceppo Delta". Un rischio che però è "significativamente ridotto" dopo la somministrazione del booster.

Quanto al fatto che Omicron sia più contagiosa di Delta i timori si stanno rivelando fondati. Nel Regno Unito la nuova variante ha preso il largo e secondo gli studiosi potrebbe diventare dominante entro la metà di dicembre. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 58.194 casi di covid (l'incremento più alto dal 9 gennaio scorso) e 120 decessi. Sono stati inoltre confermati 448 casi della variante Omicron. Da quando è comparso per la prima volta nel Paese, i contagi provocati dal nuovo ceppo sono 1.265.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicron: le primissime stime sull'efficacia dei vaccini

Today è in caricamento