rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Il consiglio

Perché i bambini vanno vaccinati

Lo spiega Alberto Villani, direttore del Dipartimento emergenza, accettazione e pediatria generale del Bambino Gesù di Roma

Le famiglie italiane si trovano davanti ad un vero e proprio dilemma: vaccinare o non vaccinare i bambini dai 5 agli 11 anni. Dopo il via libera dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) il siero pediatrico anti Covid dovrebbe essere disponibile già a partire dal 23 dicembre 2021.

Villani: la vaccinazione è una straordinaria opportunità e un diritto per i bambini

Alberto Villani, direttore del Dipartimento emergenza, accettazione e pediatria generale del Bambino Gesù di Roma, invita i genitori a mettere da parte la diffendenza e a vaccinare i più piccoli, ricordando che in ballo c'è anche la qualità della vita dei bambini. "Non possiamo pensare di prendere come parametro i due estremi, la morte e la vita. Per i bimbi è fondamentale la qualità della vita, che è un bene supremo, necessario per crescere in salute. Se non lo possiedono rischiano di perdere serenità in una fase cruciale del loro diventare grandi", ha dichiarato Villani in un'intervista al Corriere della Sera.

"La vaccinazione oltre a essere una straordinaria opportunità è un diritto per i bambini", ha aggiunto Villani sottolineando che "negli Stati Uniti e in Israele hanno già cominciato la campagna di immunizzazione per chi ha tra i 5 e gli 11anni, e non c'è al momento evidenza di effetti collaterali rilevanti. La posologia della dose pediatrica è un terzo di quella per gli adulti. Se un vaccino funziona nei grandi a maggior ragione va ancora meglio per i piccoli che hanno un sistema immunitario più efficiente. Inoltre non sottovalutiamo il rischio della Mis-C, la sindrome infiammatoria multisistemica che può avere conseguenze molto gravi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché i bambini vanno vaccinati

Today è in caricamento