Mercoledì, 3 Marzo 2021
A Corbetta / Milano

Positiva a marzo, donna si "reinfetta" nella seconda ondata: è grave

Il caso a Corbetta, in provincia di Milano. Il racconto del sindaco: "Non sta bene, questa volta l'ha presa più forte"

Positiva al coronavirus nel mese di marzo, durante la prima, terribile ondata. E, dopo essere guarita, ancora positiva a novembre, dopo otto mesi. La vicenda è raccontata dal sindaco di Corbetta (Milano) Marco Ballarini. Non è noto se la donna si sia effettivamente reinfettata - allo stato attuale sono pochissimi i casi al mondo confermati dagli scienziati di reinfezione da Sars-Cov-2 e ci sono poche evidenze sulla questione - o se la malattia l'abbia accompagnata silente in questi mesi, senza scomparire mai.

La donna positiva al coronavirus a marzo e di nuovo positiva a novembre

Ma il primo cittadino avverte gli abitanti, in questi giorni in zona rossa, di non sottovalutare la patologia respiratoria. "Non è un nemico immaginario, il Coronavirus è un male invisibile ma tremendo che imperterrito attacca ancora con ferocia. Una nostra concittadina, già positiva a marzo, dopo essere guarita col doppio tampone negativo, ora si ritrova a dover lottare ancora contro questa temibile malattia", racconta.

"Questa volta l'ha presa più forte"

"E non sta bene, questa volta l’ha presa più forte - prosegue -. Esprimo tutta la mia vicinanza a lei e alle tante persone che nel nostro paese stanno vivendo questa condizione terribile, con l'augurio che possano guarire presto e tornare a vivere come meritano. Non vi lasceremo soli! Dobbiamo essere forti, ma soprattutto dobbiamo essere uniti e comportarci con responsabilità e serietà e compiere i sacrifici necessari per non danneggiare la vita i cari!", conclude il sindaco.

Reinfezione da coronavirus: perché potrebbe essere una buona notizia

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Positiva a marzo, donna si "reinfetta" nella seconda ondata: è grave

Today è in caricamento