Venerdì, 23 Aprile 2021

Riaprire i luoghi di culto, primo sì al Parlamento ma il testo fa discutere

La Camera ha approvato con 331 voti a favore gli emendamenti al decreto lockdown che prevedono il progressivo riavvio delle funzioni e delle celebrazioni religiose.

In Ungheria le chiese hanno riaperto alle celebrazioni ma con il distanziamento sociale EPA/ATTILA BALAZS HUNGARY OUT

Dopo un lungo e a tratti accalorato dibattito, l'aula della Camera ha approvato un emendamento al decreto lockdown che permette la ripresa dell'esercizio delle funzioni religiose nei luoghi di culto. Bocciato l'emendamento a prima firma Giorgia Meloni, poi sostenuto anche dalla Lega, che chiedeva l'indicazione di una data certa per la riapertura delle messe.

La nuova norma subordina comunque la concreta ripresa dei riti all'intesa con le varie confessioni religiose che dovranno dotarsi di appositi protocolli di sicurezza per i fedeli. L'emendamento, ha commentato il primo firmatario il deputato Pd Stefano Ceccanti "consente di riaprire in sicurezza alla libertà di culto con protocolli con le varie confessioni religiose".

"Le limitazioni adottate nella prima fase per proteggere vita e salute dei praticanti possono e debbono essere progressivamente superate - si legge nel testo - Per farlo in modo sensato, visto l'ampio pluralismo religioso che è anche pluralismo delle varie forme di culto, è necessario un dialogo serio con le varie confessioni religiose, tenendo conto delle specificità di ciascuna". I favorevoli all'emendamento Ceccanti sono stati 331, 134 deputati si sono astenuti, due i voti contrari. Si anche da Forza Italia: la presidente dei deputati azzurri Mariastella Gelmini ha spiegato che "in una democrazia, anche in un momento emergenziale, ci sono delle regole che non possono e non devono essere calpestate".  

Bocciato l'emendamento di Fratelli d'Italia che voleva fissare una data certa per la ripresa delle celebrazioni religiose con la presenza di fedeli nel rispetto delle norme anti-contagio.

Nel testo approvato dalla Camera manca qualsiasi indicazione temporale su quando le limitazioni cesseranno. Altresì saranno necessari 'protocolli sanitari' oltre alle norme generali di contenimento, come mascherina, distanzanziamento sociale.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riaprire i luoghi di culto, primo sì al Parlamento ma il testo fa discutere

Today è in caricamento