Sabato, 5 Dicembre 2020
Bologna

L'appello di Elena, ragazza disabile che lavora e vive in città: "Cerco coinquilina speciale"

"Offro un posto in casa a chi mi potrà aiutare a fare delle piccole cose solo in determinati momenti", spiega Elena, che spera che la sua idea possa venire presa ad esempio per altre persone con disabilità

Sta girando in rete un appello lanciato da Elena, giovane disabile del bolognese, impegnata un progetto di autonomia che l'ha portata a lasciare la sua casa in un paesino sull'Appenino per trasferirsi nel capoluogo. La ragazza è infatti alla ricerca di una "coinquilina" speciale, alla quale offrire una stanza nel suo appartamento, che dovrà aiutarla in determinati momenti della giornata in diverse situazioni.

 Elena, racconta a BolognaToday, ha "una paralisi cerebrale dalla nascita", ma ha scelto "di raggiungere la città per riuscire a fare più cose nella mia vita visto che sono piena di energie!". La ragazza segue a Bologna come social manager la realtà di Sartorie Leggere, una sartoria che dà impiegato a persone con disabilità o donne sole con figli disabili, dove "ci occupiamo di inclusione lavorativa con particolare attenzione al concetto di moda inclusiva e di vestibilità facilitata".

Nel suo appello, Elena scrive:

"Condivido l'appartamento già con un amico e inizio la mia giornata con un tirocinio che per il resto procede tra lavoro, amicizie e operatrici che mi danno una mano, ma solo fino alle 23.30.  Avrei bisogno di un aiuto proprio da quest'ora per la messa a letto e cerco una coinquilina che possa trascorrere in casa tutta la notte per poi darmi una mano a vestirmi, fare colazione e uscire di casa la mattina. Solo durante la settimana e solo quattro giorni (fino a giovedì), il week-end sarebbe libera"

"Spero che il mio progetto possa espandersi anche ad altri ragazzi con disabilità per vivere sempre più in un mondo inclusivo. È un'idea che vorrei venisse preso come esempio anche per altre persone con disabilità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'appello di Elena, ragazza disabile che lavora e vive in città: "Cerco coinquilina speciale"

Today è in caricamento