Domenica, 9 Maggio 2021

Tutte le regole per le riaperture dal 20 aprile fino a maggio

Il Cts e il ministro Franceschini lavorano ai protocolli per cinema, teatri, mostre e musei. Ma anche per palestre e piscine la riapertura potrà avvenire solo sulla base di nuove regole. Ecco quali

Il percorso per le riaperture del governo Draghi comincia oggi. Con un incontro tra il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini e il Comitato Tecnico Scientifico che dovrà porre le basi per cinema e teatri, mentre il nodo più scottante (ovvero quello di ristoranti e bar) dovrà essere affrontato più in là. 

Tutte le regole per le riaperture dal 20 aprile fino a maggio 

E se il ministro del Turismo Massimo Garavaglia annuncia la fine del percorso per il 2 giugno, sarà l'inizio la parte più dura. Perché ci vorranno nuovi protocolli per costruire il percorso e quindi l'accordo con le categorie. Che però sono in gran parte sul piede di guerra. Il problema più grosso è quello di ristoranti e bar. Per i primi si pensa di introdurre la prenotazione obbligatoria per i clienti insieme all'obbligo di privilegiare gli spazi all'aperto. Bisognerà distanziare i tavoli in modo da assicurare la distanza di almeno un metro tra i clienti (tranne che a quelli che non sono soggetti a distanziamento interpersonale, come i coniugi o i genitori con i figli e così via). Secondo le indiscrezioni la distanza potrà essere ridotta soltanto se il locale avrà approntato barriere fisiche tra i tavoli, mentre resterà in vigore la regola delle 4 persone salvo che non siano tutti conviventi. Per il personale ci sarà l'obbligo di mascherina e si dovrà favorire il pagamento elettronico direttamente al tavolo. I clienti potranno mangiare senza, ma per muoversi all'interno del locale dovranno avere la mascherina. 

Per quanto riguarda cinema e teatri, la capienza delle sale non potrà superare i 200 spettatori e l'entrata e l'uscita dovranno essere separate. La prenotazione dei posti potrà essere effettuata solamente online, mentre le poltrone dovranno assicurare il distanziamento sociale con le stesse regole (e le stesse deroghe per familiari, conviventi e congiunti) che andranno in vigore per ristoranti e bar. Anche qui sarà possibile utilizzare barriere in plexiglass per migliorare l'esperienza dell'utente. I clienti che hanno ricevuto la vaccinazione o hanno un tampone negativo nelle ultime quarantotto ore potranno usufruire di regole più lasche. 

Le nuove regole per riaprire dal 20 aprile fino a maggio

Ma non ci sono solo cinema, teatri, ristoranti e bar. Ancdhe per i musei e le mostre si punterà a una riapertura scaglionata a partire dai week end, che poi potrà essere ampliata pian piano quando i numeri lo consentiranno. Anche qui si pensa al contingentamento degli spettatori e anche a fissare un tempo massimo di visita per ogni sala. L'uso della mascherina verrà fissato come obbligo per tutto il tempo della visita, mentre l'area di contatto tra personale e utenza all'ingresso dovrebbe essere delimitata da barriere fisiche che impediscano il contagio. I musei e i responsabili delle mostre dovranno prevedere la separazione tra entrata e uscita mentre per gli ascensori si pensa di lasciare la possibilità di utilizzo soltanto ai disabili. 

Infine ci sono palestre e piscine. Che si trovano oggi nelle stesse condizioni dell'inizio del lockdown. Ma la riapertura prevederà comunque regole dure, durissime. Come quella di lezioni e allenamenti in forma individuale. Nelle palestre sarà obbligatorio mantenere una distanza interpersonale non inferiore ai due metri, mentre per le piscine i metri saranno dieci. Sarà obbligatoria la pulizia delle aree di contatto di ciascun attrezzo dopo ogni utilizzo da parte dell’utente con opportuno prodotto igienizzante. Mentre gli indumenti indossati per l'attività fisica dovranno essere riposti negli zaini e lavati a casa separatamente dagli altri indumenti. Sarà vietato l'uso delle docce e molto probabilmente verrà richiesto agli sportivi di privilegiare l'utilizzo di attrezzatura propria. Che andrà igienizzata prima e dopo la sessione di allenamento. 

Italia fuori dal lockdown: il piano del governo Draghi dal 20 aprile al 2 giugno

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutte le regole per le riaperture dal 20 aprile fino a maggio

Today è in caricamento