rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Vaccini e richiami

Il richiamo per il vaccino Johnson & Johnson

Novità per il vaccino "a dose singola": secondo l'azienda un'iniezione di richiamo a due mesi dalla prima dose garantirebbe un aumento della protezione contro i casi gravi di COVID-19 portandola al 100%

Johnson & Johnson ha annunciato martedì che la protezione fornita dal suo vaccino contro il COVID-19 si attesta al 94% dopo una vaccinazione di richiamo effettuata due mesi dopo la dose iniziale. "Le nostre ampie prove del mondo reale e gli studi di Fase 3 confermano che il vaccino Johnson and Johnson a iniezione singola fornisce una protezione forte e duratura contro i ricoveri e le morti correlati al COVID-19", ha dichiarato Mathai Mammen, responsabile globale della ricerca e sviluppo di JJ.

Secondo lo studio di Fase 3 dell'azienda, un'iniezione di richiamo a due mesi dalla prima dose, ha prodotto una protezione del 100% contro i casi gravi di COVID-19 e del 94% contro i casi sintomatici registrati negli Stati Uniti. Approfondimenti sulle vaccinazioni con JJ hanno poi rivelato che il vaccino è efficace al 79% nel prevenire le infezioni e all'81% nella prevenzione dei ricoveri. Il vaccino di Johnson and Johnson è attualmente l'unico vaccino a dose singola offerto negli Stati Uniti così come in Europa.

Il richiamo per il vaccino Johnson & Johnson

Ulteriori dati mostrano che il richiamo dopo due mesi aumenta la protezione:

  • Aumento degli anticorpi di 4 volte se il richiamo è somministrato dopo due mesi
  • Aumento degli anticorpi di 12 volte se il richiamo è somministrato dopo sei mesi

Lo studio è basato su dati del mondo reale registrati fino a oggi negli Stati Uniti ha dimostrato un'efficacia stabile del vaccino del 79% (IC, 77%-80%) per le infezioni correlate al COVID-19 e dell'81% (IC, 79%-84%) per i ricoveri correlati al COVID-19. Non ci sono state evidenze di efficacia ridotta nel corso della durata dello studio, compreso quando la variante Delta è diventata dominante negli Stati Uniti. Lo studio ha incluso 390.000 persone che hanno ricevuto il vaccino di Johnson & Johnson contro il COVID-19 e circa 1,52 milioni di persone non vaccinate confrontate per età, sesso, data, codice postale, e comorbidità e predittori per la gravità dell'infezione COVID-19 condotto da marzo a fine luglio 2021.

Una seconda dose a due mesi ha fornito una protezione del 94% (IC, 58%-100) contro il COVID-19 negli Stati Uniti. Lo studio di Fase 3 ENSEMBLE 2 ha dimostrato che una seconda dose del vaccino di Johnson & Johnson contro il COVID-19 somministrata 56 giorni dopo la prima ha fornito:

  • 100% di protezione (IC, 33%-100%) contro le forme gravi/critiche di COVID-19 - almeno 14 giorni dopo la vaccinazione finale.
  • 76% di protezione contro le forme sintomatiche di COVID-19 a livello globale (IC, 55%-88%).
  • 94% di protezione contro le forme sintomatiche di COVID-19 negli Stati Uniti (IC, 58%-100%).

Il richiamo a sei mesi ha fornito un aumento degli anticorpi di 12 volte

Quando un richiamo del vaccino di Johnson & Johnson contro il COVID-19 è stato somministrato sei mesi dopo l'iniezione singola, i livelli di anticorpi sono aumentati di nove volte una settimana dopo il richiamo e hanno continuato a crescere fino a 12 volte di più quattro settimane dopo il richiamo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il richiamo per il vaccino Johnson & Johnson

Today è in caricamento