Sabato, 27 Febbraio 2021
Chi ha detto "no" / Milano

I sanitari no vax in Lombardia

Sono l'11% in questa prima fase della vaccinazione. E la percentuale di non adesione degli operatori non sanitari degli ospedali, delle Asl e delle Rsa è del 17%

Più di un medico o un infermiere su dieci ha detto "no". La percentuale di non adesione del personale sanitario al vaccino anti covid in regione Lombardia è dell'11% in questa prima fase della vaccinazione. Quella degli operatori non sanitari degli ospedali, delle Asl e delle Rsa (amministrativi, addetti alle pulizie, chi lavora nelle cucine etc) è del 17%. I dati sono sati resi noti oggi dalla vice presidente della regione Lombardia e assessore al Welfare Letizia Moratti, intervenuta durante un'audizione in commissione Sanità.

L'11% del personale sanitario non ha fatto il vaccino in Lombardia

Replicando a una domanda del consigliere di Azione, Niccolò Carretta, la titolare del Welfare lombardo ha spiegato che "il personale sanitario ha aderito per l'89%, gli operatori non sanitari per l'83%, gli ospiti delle Rsa per il 91% e gli operatori delle residenze sanitarie assistenziali per 82%".

Nei giorni scorsi aveva fatto discutere il caso dell'Azienda socio sanitaria territoriale Santi Paolo e Carlo di Milano, che gestisce gli ospedali San Paolo e San Carlo, dove il 28% dei medici di base ha deciso di non partecipare alla campagna di vaccinazioni anti covid e, di conseguenza, di non farsi iniettare il siero Pfizer-BioNtech. A renderlo noto era stato il direttore generale dell'Asst, Matteo Stocco, che in una nota aveva fatto il punto della situazione. I dottori e pediatri di base assegnati al San Paolo e San Carlo sono 316, più gli eventuali assistenti di studio, e a tutti loro è stata richiesta l'adesione alla campagna vaccinale. "Di questi il 28% ha dichiarato la non adesione - aveva spiegato Stocco - e dall'8 gennaio, giorno di avvio delle vaccinazioni per questa categoria, a seguito delle prenotazioni confermate, alla data del 12 gennaio avremo 139 medici e 37 assistenti di studio vaccinati".

Letizia Moratti ha spiegato che fino al 26 gennaio sono state vaccinate 246.271 persone su 305.820 dosi consegnate, pari al 78,5%. Con questi numeri, il termine della fase 1 è previsto per il 5 marzo 2021, dopodiché si potrà partire con quella che è stata definita fase 1 bis, riguardante le residenzialità psichiatriche, l'assistenza domiciliare e i loro operatori, i centri diurni, i farmacisti, le professioni odontoiatriche, la sanità militare e il personale da utilizzare nelle fasi successive, come la polizia di stato, gli ambulatori accreditati, i medici liberi professionisti, gli informatori scientifici del farmaco e altri operatori. "La fase 1 bis dovrebbe chiudersi attorno al 25-26 marzo - ha detto l'assessore Moratti -. Da quel momento potrebbe partire la fase 2 che riguarda gli ultra ottantenni (circa 700mila persone), le persone dai 60 ai 79 anni (2 milioni) e i cronici fragili indipendentemente dall'età". Letizia Moratti ha infine rassicurato sul fatto che le seconde dosi di vaccino, "alle consegne attuali", sono certe per tutti secondo questa tabella di marcia.

vaccini oggi italia-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sanitari no vax in Lombardia

Today è in caricamento