Saviano durissimo: "Salvini e Meloni ci fate schifo, la scorta a Liliana Segre è colpa vostra"

"Siamo diventati un Paese pericoloso". Lo scrittore attacca i leader di Lega e Fratelli d'Italia. Roberto Calderoli: "Chiamate un medico"

Roberto Saviano. Foto Ansa

Sul tema della scorta a Liliana Segre è duro, durissimo, il commento dello scrittore Roberto Saviano: "Pensare che un’intellettuale, una donna coraggiosa come Liliana Segre finisca sotto scorta è la prova che siamo diventati un Paese pericoloso", dice in un video su Fanpage.it.

Saviano: "L'odio verso Segre è responsabilità di Salvini e Meloni"

"Liliana Segre è odiata perché, in quanto vittima dell’Olocausto, ha deciso di prendere posizione, di intervenire nel dibattito pubblico - dice Saviano -. E' odiata dai populisti, dai sovranisti, dai fascisti, da tutti quelli che usano l’odio per esercitare la loro presenza sui social e nella vita pubblica. Quest’odio verso una donna che ogni volta che si esprime usa grazia, tatto e intelligenza, una donna espulsa dalla scuola, poi deportata, ora odiata porta la firma di Matteo Salvini e Giorgia Meloni, due dei peggiori politici del nostro tempo, la cui infinita mediocrità non riesce a frenare la loro infinita brama di potere. Parlate di “prima gli italiani”, ma noi non apparteniamo a voi: ci fate schifo".

"Saviano, per aggredire Salvini, si riempie la bocca di parole come odio, inferno, rancore, veleno, intolleranza. Qualcuno direbbe che 'la lingua parla dall'abbondanza del cuore' - commenta all'Adnkronos il senatore della Lega Simone Pillon -. Solidarietà alla senatrice Segre ma anche a Matteo Salvini che proprio oggi (ieri, ndr) ha ricevuto l'ennesima busta col proiettile, e solidarietà a chiunque sia minacciato sul piano personale. Non esistono minacce buone e minacce cattive. Sarebbe bello che lo capissero anche i maestri della sinistra, ma forse è chiedere troppo", conclude Pillon.

"Di fronte agli sciocchi e agli imbecilli esiste un modo solo per rivelare la propria intelligenza: quello di non parlare di loro", dice il vicesegretario della Lega, Andrea Crippa, prendendo a prestito una frase del filosofo Arthur Schopenhauer. All'AdnKronos che gli chiede di commentare le accuse di Saviano, il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli risponde secco: "Chiamate un medico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, ecco cosa cambia davvero dal 1° gennaio 2020

  • Michelle Hunziker 'presenta' le figlie Celeste e Sole: tali e quali a mamma e papà (FOTO)

  • Bollette luce e gas, buone notizie per metà delle famiglie italiane

  • Prende il reddito di cittadinanza ma ha un bar: la sanzione è da capogiro

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 14 dicembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 12 dicembre 2019

Torna su
Today è in caricamento