Venerdì, 24 Settembre 2021
Migranti

Migranti, sbarchi quasi azzerati a luglio: "Qui non passa più nessuno"

Nel mese di luglio, il più favorevole alle traversate, in Italia sono sbarcati meno di duemila migranti. Il comandante Sebastiano Rossitto: "Da cinque o sei mesi la situazione è completamente cambiata". Intanto in Spagna il sistema di accoglienza va in tilt

Sono 18.314 i migranti sbarcati sulle coste italiane dal 1° gennaio al 27 luglio del 2018. Negli stessi mesi dell’anno precedente, il 2017, ne erano arrivati circa 95mila, mentre nel 2016 gli arrivi erano stati poco meno. Ma è il dato di luglio a far ben sperare il governo giallo-verde: se nello stesso mese dello scorso anno in Italia sbarcarono oltre undicimila migranti, e l'anno prima addirittura 23.552, nel 2018 il numero è sceso a 1737 richiedenti asilo.

A maggio e giugno si era attestato rispettivamente a 3936 e 3124 migranti. I dati sono del "cruscotto statistico" del Viminale (qui in dettaglio).

Insomma, semplificando si può dire che la "cura Salvini" funziona, anche se ad onor del vero, i suoi "meriti" andrebbero perlomeno divisi con l'ex ministro Minniti che l'estate scorsa siglò un primo accordo con le autorità libiche. Nei mesi successivi quell'intesa ha dato i suoi frutti, tanto è vero che già sotto il governo Gentiloni gli sbarchi erano diminuiti del 70-80%. La politica muscolare del ministro dell'Interno, almeno dai primi dati disponibili, sembra però aver assestato un ulteriore colpo al fenomeno dell'immigrazione verso l'Italia. 

"Qui non passa più nessuno"

Tanto che Sebastiano Rossitto, il comandante della fregata Virginio Fasan,  l’ammiraglia della missione che opera di fronte alla Libia da metà 2015, si è spinto a dire al Corriere della Sera che da "cinque o sei mesi la situazione è completamente cambiata" e che "per ora l'emergenza pare terminata". 

"La solidarietà non è reato": il contadino simbolo dell'Europa che accoglie i migranti

"Nel nostro ultimo mese di pattugliamenti ininterrotti dal Canale di Sicilia, le coste della Tripolitania, al largo del Golfo della Sirte e sino alle zone a nord delle acque territoriali della Cirenaica, non abbiamo mai incontrato alcun naviglio di migranti e neppure i battelli delle organizzazioni non governative internazionali".

migranti 1-6

Parte del merito va alla Guardia Costiera libica: "I loro sistemi d’intervento sono strutturati - ha spiegato il comandante -, possono mantenere due o tre imbarcazioni sempre pronte in acqua e si dimostrano in grado di bloccare gli scafisti con i migranti prima che escano dalle 12 miglia delle loro acque territoriali".

"In una giornata così un anno fa potevano essere in mare sino a una quindicina di barche con 3.000 migranti. Nel 2013 ne prendemmo a bordo 1.500 in 24 ore. Oggi nessuno", ha detto il capitano Massimo Nava al giornalista Lorenzo Cremonesi, inviato del Corsera a bordo della nave Fasan.

La Spagna diventa la rotta principale dei migranti

Situazione completamente diversa in Spagna, dove invece il sistema di accoglienza sta andando in tilt: solo nel mese di luglio sono state oltre 4.500 persone le persone sbarcate sulle coste spagnole, quasi 20mila dall’inizio dell’anno. La Spagna è così diventata di fatto la destinazione preferita dagli scafisti, superando così l'Italia. 

Migranti, cos'è e come funziona il diritto d'asilo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, sbarchi quasi azzerati a luglio: "Qui non passa più nessuno"

Today è in caricamento