rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
L'Italia si ferma

Proclamato lo sciopero generale: a rischio non solo trasporti e scuole

Usb e Cigl hanno proclamato una giornata di sciopero che rischia di paralizzare non solo i trasporti, ma anche serie tv e film

Si preannuncia un venerdì nero quello del 26 maggio prossimo. Usb - Unione sindacati di base - ha proclamato uno sciopero generale in tutta Italia per ogni settore lavorativo, ad eccezione di quello aereo. Sempre oggi 6 aprile la Slc Cgil - il settore dei lavoratori della comunicazione della Cgil - ha annunciato un periodo di "blocco delle prestazioni accessorie e/o complementari" dei lavoratori Rai dal 5 al 31 maggio 2023 e una giornata di sciopero generale sempre per il 26 maggio prossimo. Dopo Germania, Francia, Inghilterra, Portogallo e Grecia anche nel nostro paese i lavoratori si organizzano in una mobilitazione nazionale. 

Nella nota, Usb chiede 300 euro in più netti in busta paga a ogni lavoratore e attacca i provvedimenti del governo Meloni in materia di appalti, controlli sulla sicurezza, autonomia differenziata, reddito di cittadinanza e regolarizzazione dei lavoratori migranti. "Questo governo sta accelerando su una serie di provvedimenti che aumentano la precarietà e la ricattabilità dei lavoratori e che sono destinati ad aumentare le sofferenze per una larga parte del Paese" spiega la nota, accusando l'esecutivo di non difendere il potere d'acquisto dei lavoratori e di trascinare il paese dentro a una "guerra sempre più imprevedibile". Anche la questione Ucraina è sul tavolo del sindacato: "Alzate i salari e abbassate le armi" recita uno slogan, che chiede lo stop alla vendita di armamenti a Kiev. 

Stop anche dal settore audiovisivo. I vertici dei sindacati Rai hanno indetto uno sciopero generale sempre per la giornata del 26 maggio 2023 dove affiancheranno i lavoratori convocati da Usb. Ma non solo: a partire dal prossimo 5 maggio è stato indetto un periodo di blocco alle blocco delle "prestazioni accessorie e/o complementari", ovvero straordinari, lavoro supplementare, reperibilità e straordinario in sesta giornata. Il motivo dello sciopero si rifà a una serie di incontri "chiusi negativamente" con i vertici dell'azienda, in un quadro generale che vede tutto il settore audiovisivo scioperare e protestare ormai da un paio di mesi. A rischio, quindi, saranno tutti i prodotti televisivi e cinematografici del prossimo periodo. 

Più Far West che cinema: si è rotta la macchina dei sogni 

Rai ha chiamato tutti i suoi dipendenti a prendere parte alla protesta per "dare un futuro al Servizio Pubblico". Usb invece, a conclusione della nota, ha invitato tutti i lavoratori convocati a utilizzare la giornata del Primo Maggio come giornata di manifestazione per promuovere lo sciopero di fine mese. 

Comunicato di Ubs

Comunicato di Slc Cgil

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proclamato lo sciopero generale: a rischio non solo trasporti e scuole

Today è in caricamento