Lunedì, 15 Luglio 2024
Il caso / Trento

Il Consiglio di Stato ha sospeso l'abbattimento degli orsi Jj4 e Mj5

Per i giudici il provvedimento appare "sproporzionato e non coerente con le normative sovranazionali e nazionali"

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso delle associazioni animaliste, presentato dagli avvocati Aurora Lo Prete e Giada Bernardi sulla vicenda degli orsi Jj4 e Mj5 sospendendo dunque i provvedimenti di abbattimento. L'ordinanza sarà ora trasmessa al Tar di Trento che dovrà fissare una nuova udienza. L'orso Jj4' è l'esemplare ritenuto responsabile dell'aggressione mortale ad Andrea Papi il 5 aprile scorso nei boschi di Caldes in Trentino. "Una notizia che aspettavamo da tempo, gli animali sono salvi", dice all'Adnkronos Stefano Fuccelli, presidente del Partito Animalista Europeo. 

Per i giudici "il provvedimento che dispone l'abbattimento dell'animale appare sproporzionato e non coerente con le normative sovranazionali e nazionali che impongono l'adeguata valutazione di misure intermedie, ferma restando la disposta captivazione a tutela della sicurezza pubblica, va sospeso l'ordine di abbattimento dell'animale".

Inoltre, viene spiegato ancora nel provvedimento del Consiglio di Stato, "il quadro normativo sovranazionale impone che la misura dell'abbattimento rappresenti l'extrema ratio e che possano essere autorizzate deroghe ai divieti di uccisione delle specie protette 'a condizione che non esista un'altra soluzione valida' e nei soli limiti derivanti dai vincoli europei e internazionali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Consiglio di Stato ha sospeso l'abbattimento degli orsi Jj4 e Mj5
Today è in caricamento