rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
ancora disagi / Catania

Slitta la riapertura dell'aeroporto di Catania dopo l'eruzione dell'Etna

A causa dell'eruzione dell'Etna, le operazioni di volo sono sospese fino alle ore 6 di domani 15 agosto

Non c'è pace per l'aeroporto di Catania. Prima l'incendio di metà luglio che ne ha costretto la parziale chiusura, ora l'eruzione dell'Etna che ha provocato la caduta di cenere sulla città e sulle piste di Fontanarossa costringendo la Sac a chiudere l'aeroporto dalle 5 del mattino di lunedì 14 agosto alle 6 della mattina del 15 agosto: 24 ore di stop con cancellazione dei voli in partenza e dirottamento di quelli in arrivo (se non cancellati nelle città di partenza) a Comiso e Trapani.

"La società di gestione dell’aeroporto di Catania comunica che, a causa dell’attività eruttiva dell’Etna e contestuale ricaduta di cenere vulcanica, le operazioni di volo sono sospese fino alle ore 6 di domani, martedì 15 agosto". È quanto si legge in una nota della Sac, la terza inviata oggi per comunicare un nuovo slittamento della riapertura dello scalo internazionale Vincenzo Bellini. Le operazioni di rimozione della cenere vulcanica hanno richiesto più tempo di quanto le previsioni iniziali facessero sperare.

Tutti gli arrivi e le partenze sono dunque ancora inibiti. "Si pregano i gentili passeggeri - conclude la nota - di presentarsi in aeroporto solo dopo aver consultato la propria compagnia aerea". Sono oltre 150 i voli in arrivo o in partenza cancellati o dirottati. Solo dalle 12 alle 20 dovevano arrivare a Catania oltre 80 voli e ne dovevano partire una sessantina. Quattordici voli, da Vienna, Parigi, Il Cairo, Belgrado, Istanbul, Francoforte, Copenaghen sono stati riprogrammati su Palermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Slitta la riapertura dell'aeroporto di Catania dopo l'eruzione dell'Etna

Today è in caricamento